📣 Il mio libro è finalmente in libreria! →

The problem with punishments

Punishments don't teach anything positive.

Carlotta Cerri
Salva

The problem with punishments, briefly, is that they don't teach anything positive. They don't promote ethical growth, responsibility, altruism, or empathy.

Punishments promote:

  • Resentment;
  • Stress, both for those who receive it and for those who inflict it;
  • Finding tricks to avoid being discovered;
  • The use of force with friends, because they teach children that that's how you get what you want;
  • The urge to lie;
  • Egocentrism, thinking almost exclusively of their own interests.

And above all, punishments don't help develop a familiarity with mistakes which in life will always be a lifesaver: mistakes teach that it's okay to get it wrong, to fall and get back up.

Instead of punishing and condemning mistakes, stay by your child's side, ask questions to understand, give them benefit of the doubt, reflect together on how they could have done better or differently.

Shortcuts in parenting don't get us where we want to go. If you want your children to become adults who know balance, empathy, and resilience, punishing for mistakes is not the way to go.

Accedi alla conversazione

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la community e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.

Ti consiglio anche

Cammina. Hai già dieci mesi, dovresti sapere camminare! È solo un piede davanti all’altro. Adesso stai seduto lì fino a che non hai imparato a camminare. Non è così che si cammina. È assurdo pensare che umiliare e punire i bambini, gli insegnerà a camminare vero?  Su questo siamo tutti e tutte d’accordo.  E oggi vorrei dirti che è altrettanto assurdo pensare che punire ed umiliare insegni qualsiasi cosa ai bambini.  Frasi come, Smettila di piangere. Calmati. Vai in camera tua e pensa a cosa ...
1 min
Reel
Le punizioni e le tattiche di controllo e potere come urlare, punire (stasera non ti leggo il libro!), minacciare (se non metti a posto, non andiamo al parco) e umiliare (ma cos’hai, 2 anni, che non sai mangiare da sola?) creano cambiamenti comportamentali nei bambini (li fanno comportare “bene”) perché incutono paura: i bambini hanno paura di chi li punisce. Per questo la punizione “funziona”, perché innesca un arresto dissociativo e rende il bambino così insicuro da sentirsi impotente e qu...
1 min
Reel
Il problema delle punizioni è che non insegnano nulla di positivo a nessuno, sono scorciatoie nella genitorialità che non ci portano dove vogliamo andare. Non promuovono crescita etica, responsabilità, altruismo, empatia.  Promuovono risentimento e stress, sia per chi li riceve, sia per chi le infligge. Promuovono trovare stratagemmi per non essere beccati, voglia di mentire, egocentrismo. Promuovono l’uso della forza con gli amici perché insegnano che con il potere si ottiene ciò che si vuo...
55s
Reel
Se usi minacce, urla e punizioni queste diventano la motivazione del bambino per “comportarsi bene”. Quando le usi, tuo figlio non ti ascolta perché è bravo, ti ascolta perché ha paura di te. L’uso della paura e della vergogna ottiene risultati immediati, crea conformità a breve termine, ma a lungo termine distrugge la fiducia e la sicurezza in sé. I bambini piccoli non sono in grado di soddisfare le nostre aspettative perché la parte del cervello responsabile di controllare gli impulsi non è...
56s
Reel
23 min
Podcast
This morning Oliver had an idea: he decided to rollerblade to school.Even so, we both tried, because “he’s still not capable” to rollerblades on difficult terrains and going uph...
3 min
Blog
Although I almost always write about the practical aspect of Montessori, because I believe it’s a great way to start implementing it in our lifestyle, I don’t want you to think ...
5 min
Blog
Since Oliver started crawling and getting confident, Alex and I are saying lots of NOs. NO, Oliver, don’t climb up the oven. NO. Oliver, don’t grab on to the bucket full of wate...
2 min
Blog