📣 Il mio libro è finalmente in libreria! →

Biscotti per bebè con tre ingredienti

Carlotta Cerri
Salva

Se leggete questo blog, sapete che non sono la classica mamma italiana. Non cucino, insomma — Alex è lo chef di casa. Ma quando l’altro giorno, dopo nuoto, un’amica ha tirato fuori questi biscotti fatti in casa con solo tre ingredienti, ho voluto provare — anche perché Oliver ha chiesto il bis.

E per mia sorpresa, ce l’ho fatta — non sono un capolavoro, ma sono buoni.

Tre ingredienti

  • Una banana matura
  • Succo di un frutto succoso (io avevo in casa succo naturale d'ananas)
  • 100gr di fiocchi d'avena

L’avena pura è generalmente gluten-free, ma purtroppo la maggior parte delle marche oggi contengono avena contaminata con un po’ di grano durante la lavorazione.

Oliver mangia glutine?

Come sapete, siamo quasi completamente Paleo e quindi l’ultimo ingrediente vi avrà stupiti. Ebbene sì, abbiamo deciso di introdurre il glutine in quantità minime nella dieta di Oliver. Per un motivo principalmente (e non mi dilungo): perché non potrà evitarlo tutta la vita (immaginate la prima festa di compleanno in casa di non paleolitici… ecco!) e preferiamo che il suo organismo si abitui gradualmente.

Quindi visto che abbiamo scelto l’autosvezzamento (che sta andando alla grandissima, ho un post in cantiere per parlarvene!), Oliver mangia come noi: in casa gluten-free e fuori quello che c’è (che se è un pezzo di focaccia va bene, insomma). Quello che sì evitiamo rigorosamente è lo zucchero artificiale, quindi niente dolci, caramelle, gelato (che non sono comunque consigliati sotto l’anno e, nel nostro caso, sotto i 98 ;-)

Detto questo, mani in pasta!

Non si può davvero chiamarlo cucinare perché non c’è quasi niente da fare. Basta schiacciare la banana con una forchetta, aggiungere il succo spremuto, l’avena (io non li ho triturati) e poi amalgamare il tutto fino a che diventa una pasta appiccicosa.

Con un cucchiaio, ho fatto piccole montagne su un vassoio con carta da forno e le ho poi appiattite e arrotondate con le dita. Non essendoci lievito, non crescono quindi mantengono esattamente la forma e lo spessore che gli dai :-)

Al forno per 15 minuti a 180°C et voilà!

Domani dopo nuoto me ne vanterò un sacco e Oliver non sarà costretto a mangiare sempre la solita frutta… il mondo è giusto di nuovo! ;-)

Ah, e a Oliver è piaciuto così tanto (per davvero!) che voleva a tutti i costi dividerlo con Colbie :-)

Accedi alla conversazione

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la community e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.

Ti consiglio anche

Dopo aver scritto delle ragioni per cui abbiamo scelto l’autosvezzamento, voglio raccontarvi come sta andando. Premetto che ci piace un sacco e che lo sceglieremmo di nuovo senz...
4 min
Blog
Quando lavoravo full-time senza soste, la mia agenda era incredibilmente piena e il pranzo sempre un intralcio. E visto che ormai sai che non mi piace cucinare, la cosa più faci...
2 min
Blog
Normalmente non scrivo di negozi locali, ma questa mi è sembrata un’idea talmente carina e pratica che non poteva non finire su La Tela—che vive e respira di idee carine e prati...
2 min
Blog