Il seggiolone Babybjörn è perfetto per l'autosvezzamento

Carlotta Cerri
Salva

Vi ho già parlato delle ragioni per cui abbiamo scelto l'autosvezzamento, e poco a poco ci tengo a raccontarvi come sta andando perché a me ha aiutato molto leggere le esperienze di altri genitori e bimbi.Ma oggi voglio condividere con voi un prodotto che è per me fondamentale in ogni casa, ma a maggior ragione se si scegli l'autosvezzamento: il seggiolone. E in particolare il nostro seggiolone che ci piace moltissimo ed è perfetto per contenere il caos dei primi mesi di autosvezzamento.

Seggiolone BabybjörnQuando è stata ora di scegliere un seggiolone, volevamo tre cose:

  1. Che fosse bello, leggero e comodo da lavare (ops, sono già tre!).
  2. Che possibilmente non avesse cinture o almeno non di tessuto che si sporcano facilmente.
  3. Che crescesse con il bambino (perché Oliver, con i suo 11 kg a 9 mesi, è un bimbo enorme), ma non fosse gigante e ingombrante.

Il seggiolone Babybjörn è un classico esempio di un prodotto che ti dà esattamente quello che cerchi e di più. E ancora una volta, Babybjörn non ci ha delusi (abbiamo anche il Carrier One e l'amaca e siamo felicissimi).È compatto. Si chiude facilmente per portarlo a casa di amici. In casa, è talmente leggero che noi lo trasportiamo sempre da una stanza all'altra aperto.È ergonomico. Non ha bisogno di alcuna cintura perché con il suo sedile curvato e vassoio avvolgente abbraccia il panciotto del bambino. Questo è specialmente importante per l'autosvezzamento: anche quando Oliver è tutto sporco, è raro che il cibo si infili tra il vassoio e la pancia.

È sicurissimo. Il vassoio avvolge completamente il corpo del bimbo: Oliver non riesce ad uscire di lì nemmeno spingendo con i piedi contro il poggiapiedi. Le gambe si aprono a mo' di tenda quindi Oliver non cade indietro nemmeno spingendo con i piedi contro il nostro tavolo (tutti gli ospiti, però, inciampano nelle gambe almeno una volta :-D )Cresce con il bambino. Oliver è un bimbo grande quindi per noi questa caratteristica è stata molto importante perché abbiamo potuto regolarlo man mano che il suo panciotto (da leggersi, pancione) cresceva.

È facilissimo da lavare: essendo tutto di plastica (rigorosamente libera da BPA) basta un panno umido per lavarlo. Ma finora, anche nei pasti più selvaggi, l'unica cosa che abbiamo dovuto lavare è il vassoio, che si stacca e mette anche in lavastoviglie.La verità più vera è che finora il seggiolone Babybjörn è il migliore che abbia visto in giro e non cambierei assolutamente nulla. È perfetto nei più minimi dettagli!PS. Noi lo abbiamo comprato su Amazon, ma immagino che si trovi facilmente in negozi specializzati.

Accedi alla conversazione (è gratis!)

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la comunità e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.

Carlotta
Ciao! Sono Carlotta, creatrice de La Tela e viaggiatrice a tempo pieno insieme alla mia famiglia, Alex, Oliver ed Emily.

Ti consiglio anche

Altri contenuti che potrebbero interessarti.