Insegna ai bambini come essere arrabbiati

Carlotta Cerri
set 19, 2022
Salva
I bambini picchiano, danno calci, spingono, mordono, tirano oggetti e capelli. È normale!
  1. Quando i bambini hanno le parole non sentono di dover usare i loro corpi per esprimere le loro emozioni. Alcune frasi che possiamo insegnare ai bambini nei momenti di rabbia: “Spazio, per favore”, “No grazie!”, “Non mi piace!”, “Stop!”
  2. Dare importanza a parole, azioni ed emozioni significa (anche) evitare di cadere nella tendenza comune di sminuire le loro emozioni. Se sono arrabbiati, non sminuiamo la rabbia. Se piangono, non sminuiamo le lacrime. Evita frasi come: “Ma dai, non c’è motivo di piangere”, “Che scenata stai facendo, sei proprio un attore / un’attrice”, “Ma smettila di fare la vittima / attirare l’attenzione!”
  3. Come processare le emozioni in maniera sana è la parte difficile, perché purtroppo spesso non sappiamo processarle nemmeno noi adulti e non possiamo insegnare loro qualcosa che non sappiamo noi. Dobbiamo iniziare dall’imparare a gestire le nostre emozioni. Nel frattempo, ai bambini diamo modi per esprimere la rabbia (e ricordarci che loro non sono noi, ognuno esprime le emozioni a modo suo e ciò che funziona per te forse non funzionerà per i tuoi figli). 
    Alcuni strumenti sono:
  • Uscire e respirare a fondo l’aria
  • Il gioco del 5-4-3-2-1
  • Correre / saltare
  • Spingere la parete
  • Stringere una pallina anti stress
  • Costruire una torre con i blocchi e buttarla giù
  • Mettere musica e ballare
  • Mettersi le cuffie e ascoltare musica
  • Guardare fuori dalla finestra
La rabbia è un’emozione come le altre, ha tanto valore quanto la felicità e la tristezza e non dovremmo stimatizzarle. 
Quando sono arrabbiati i bambini ricorrono spesso all’aggressione fisica o verbale perché :
  1. Sentono di non avere le parole per comunicare come si sentono, di che cosa hanno bisogno. 
  2. Le loro parole non hanno peso per loro, sono solo parole. 
  3. Si sentono sopraffatti dall’emozione e non sanno come gestirla. 
Il nostro compito di genitori è insegnare ai nostri figli: 
  1. Le parole che gli servono per difendersi ed esprimere le loro emozioni. 
  2. Che diamo importanza alle loro parole e azioni e a tutte le emozioni 
  3. Come processare queste emozioni in maniera sana. 
Non insegnano ai bambini a non essere arrabbiati. Insegniamo loro come essere arrabbiati.

💡Ma soprattutto fare il lavoro su noi stessi: perché se non sappiamo controllare noi la nostra rabbia, possiamo solo aspettarci che i bambini replicheranno il nostro modo di processarla. 

PS: Ti parlo di tutto questo e molto di più nel mio corso online Educare a Lungo Termine. Se, invece, cerchi un aiuto specifico per gestire le crisi e la rabbia dei tuoi bambini ti consiglio la guida “È il tuo coccodrillo”, che include una guida per te genitore e un libricino stampabile da leggere insieme ai piccoli di casa. 

Accedi alla conversazione (è gratis!)

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la comunità e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.

Lezioni dal Percorso

Educare a lungo termine richiede strumenti: li trovi qui.

3 min
Esercizio