Tempo di qualità con me stessa

Come avete notato non pubblico da un po’. Non mi sono sentita ispirata. E non sono brava a pubblicare tanto per pubblicare: capisco che nel mondo veloce dei social e del web questo spesso non funzioni molto, ma io ho imparato ad accettarlo e ad accoglierlo come un punto di forza.

Questa settimana sono lontana da Alex e i bambini.

Mi sono presa una settimana per stare con due amiche: me stessa e un’amica che mi raggiungerà per qualche giorno.

In questi due giorni sola ho letto due libri interi (dall’inizio alla fine!), ho mangiato in silenzio assaporando ogni boccone, ho lavorato, ho camminato, ho osservato la gente, ho pensato.

Mi mancano Alex e i bimbi, ma mi sono resa conto che in tutto questo tempo con loro h24 ho trascurato il tempo con una persona molto importante: me stessa.

Mi sono resa conto che, visto che amo il mio lavoro, ultimamente ho iniziato a trattare il tempo che dedico al lavoro come tempo per me stessa, ma non lo è: soprattutto nel mio lavoro, quel tempo è sempre tempo per altri.

Nemmeno l’esercizio fisico è davvero tempo per me, perché c’è uno scopo, un senso di responsabilità verso la mia salute mentale e fisica.

Il tempo per me non dovrebbe avere uno scopo, dovrei stare con me per il solo piacere di godere della mia compagnia.  

Oggi mentre pranzavo da sola, pensavo. E più pensavo, più mi rendevo conto che il dialogo con la mia testa mi piaceva molto. Apprezzare e godere della mia compagnia è sicuramente una delle scoperte più belle del viaggio a tempo pieno — io che ho sempre pensato di non essere capace a stare da sola, oggi so che non è più così.

E allora ecco un pensiero a ragnatela: non deve per forza essere difficile prendersi del tempo di qualità con e per se stessi, e non c'è bisogno di andare lontano o aspettare un giorno speciale: spesso il tempo di qualità per noi stessi può essere semplicemente solitudine, un caffè da soli al bar sotto casa in un giorno qualunque. Farebbe una differenza immensa.

Blog

Educazione a lungo termine, Montessori, multilinguismo e viaggiare a tempo pieno con bambini.