📣 Il mio libro è finalmente in libreria! →

I bambini non hanno bisogno di (molti?) giocattoli

Carlotta Cerri
Salva

Ho sempre desiderato una cucina giocattolo per i miei bambini. Amano le cucine giocattolo ovunque andiamo. Così un giorno, lo scorso dicembre, nonostante stessimo vendendo tutto ciò che possedevamo, ho ceduto alla tentazione e comprato loro una cucina giocattolo.

L’hanno usata—non tanto quanto nei caffè per famiglia o nei luoghi per bambini, ma l’hanno usata. Mettevano i Duplo nella dispensa, usavano il forno come una casa per la bambola, i fornelli come un vassoio per i puzzle; a volte cucinavano anche, ma il più delle volte usavano il cibo come parte delle loro costruzioni con i Duplo.

Mentre li osservavo giocare, pensavo che non avevano bisogno di una cucina giocattolo per fare quello che stavano facendo. Ho iniziato a mettere in discussione la mia decisione.

Quando ci siamo trasferiti in questo AirBnb, avevo deciso di portare con noi la loro cucina, dato che avremmo avuto pochissimi giocattoli, ma l’abbiamo lasciata in ufficio per un paio di giorni mentre ci organizzavamo nell’appartamento.

Un giorno, poco dopo esserci trasferiti, vidi Emily prendere un vassoio fatto con i Duplo, posarlo sullo scaffale basso del tavolo del divano e dire: “Ecco, Oli, ti cucino una pizza”.

La cucina giocattolo è rimasta in ufficio e mi sono pentita di averla comprata. Vivi e impara, no?

Questo è solo un breve (auto) promemoria per dire:

I bambini non hanno bisogno di molti giocattoli. Non hanno bisogno di molti vestiti. Non hanno bisogno di molte cose. Mi ci sono voluti circa quattro anni per realizzarlo, ma ora mi è chiarissimo: specialmente quando hanno fratelli, tutto ciò di cui hanno bisogno è l’un l’altro, libri (sempre libri!) e pochi giocattoli e strumenti selezionati per il gioco libero e le attività.

La loro immaginazione farà tutto il resto (e avrà effettivamente più possibilità di svilupparsi).

Noi adulti pensiamo che i bambini siano più intrattenuti se hanno più giocattoli con cui giocare. Ma non è così (aggiornamento 2021: forse è proprio il contrario, meno hanno, più imparano a fare di qualsiasi cosa un gioco, cosa che nutre la pazienza, che nutre il gioco autonomo). Sono felici di usare pezzi di un puzzle come olive su una pizza di Duplo; di cavalcare un orsacchiotto come se fosse una moto; di creare una casa con i cuscini del divano; di usare libri come piatti e Duplo come cibo.

Adoro i giocattoli belli—specialmente quelli in legno di marche sostenibili. Ma dopo l’episodio della cucina giocattolo, ho deciso di cambiare le mie abitudini e di evitare giocattoli (certo, anche perché avere molti giocattoli non è compatibile con lo stile di vita dei viaggiatori a tempo pieno).

Resisto all’impulso di soddisfare un nuovo interesse acquistando qualcosa di nuovo: spesso le cose che trovo in ​​casa sono altrettanto valide. Più economico e più ecologico!

Mi concentro di più su attività come colorare, art-attack o costruzioni, che possono essere fatte letteralmente con qualsiasi cosa, un sughero trovato per terra, il rotolo finito di carta igienica, la cintura della mia vestaglia… e tutto ciò che la natura ha da offrire, naturalmente!

Lascio che i miei figli si annoino in modo da poter davvero scatenare la loro immaginazione, praticare la pazienza e sviluppare l'autonomia.

Oliver ed Emily non solo sono felici con i pochi giocattoli che hanno ora, ma giocano anche molto meglio tra loro e in un modo molto più cooperativo. Non è una coincidenza. Certo, potrebbe anche essere dovuto al fatto che sono un po’ più grandi ora, che capiscono meglio il rispetto e i limiti, che sono più disposti a condividere e giocare insieme con i giocattoli, che apprezzano di più la compagnia dell’altro, ma credo che avere meno giocattoli abbia aiutato molto nel processo.

La lezione che ho imparato? Meno è più (sembra essere una costante nella mia vita ultimamente). Meno giocattoli = più creatività, più fantasia, più letture, più tempo all’aria aperta, più giochi liberi, più collaborazione per combattere la noia.

Ps. Oliver ed Emily in questo nuovo appartamento hanno:

  • Duplos e Lego (stiamo passando ai Lego per il nostro viaggio. E sì, è plastica, ma è plastica a lungo termine, piena di divertimento, che innesca la creatività e quindi sono felice di fare un'eccezione)
  • Puzzle (4 o 5)
  • Libri (molti! Non so come faremo quando viaggeremo! Suppongo che useremo le biblioteche)
  • Magnetic World Map di Janod (ci piace e l'abbiamo usata molto, ma anche questa non l’abbiamo usata quanto avrei voluto)
  • Grimm's Wooden Square (che abbiamo avuto per tre anni e i bimbi usano ancora tantissimo, penso che lo porteremo in giro per il mondo con noi! Aggiornamento 2021: lo abbiamo portato in giro per il mondo e ce l'abbiamo ancora!)

Accedi alla conversazione

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la community e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.

Ti consiglio anche

🌸 Questo non è un post sponsorizzato: mi piace condividere i nostri trucchi con voi. Non ci sono link affiliati ad Amazon (se ne trovi sul mio blog, per favore  segnalameli, per...
5 min
Blog
Stiamo attraversando un tempo senza precedenti nella nostra storia. La nostra libertà di movimento è stata rimossa e siamo costretti a casa nella speranza di appiattire la curva...
11 min
Blog
Uno dei migliori effetti collaterali del viaggiare per il mondo a tempo pieno è avere un guardaroba minuscolo. Ognuno di noi ha 5/7 outfit per due anni in giro per il mondo. Qua...
2 min
Blog
Questo è facile per scritto e difficile nella pratica. Stiamo usando la stanza in più (ne abbiamo due) nel nostro appartamento per mantenere tutte le cose che siamo pronti a ven...
4 min
Blog
Partiamo a giugno 2019 per un viaggio intorno al mondo di due anni
4 min
Blog
Molti di voi mi hanno chiesto di giocattoli ispirati Montessori, quindi ho deciso di preparare alcuni post con una selezione dei preferiti di Oliver ed Emily fin dalla nascita.C...
3 min
Blog