📣 Il mio libro è finalmente in libreria! →

Iniziamo settembre con energia e progetti entusiasmanti

Carlotta Cerri
Salva

(Clicca tutti i link per più divertimento ;-)

Settembre, come tanti dei miei lettori già sanno, è per me come l’inizio di un anno nuovo.

Le lezioni di inglese (mie e quelle delle mie insegnanti) ripartono e con loro il caos di studenti nuovi e vecchi, orari, giorni, programmi, materiali… Quest’anno, però, è per me un po’ diverso: ho infatti deciso di delegare tutte le mie lezioni di inglese alle mie insegnanti e concentrarmi professionalmente sul blog, che sta velocemente crescendo di fronte ai miei occhi stupiti.

Un anno fa, la mia piccola ragnatela di pensieri diventava trilingue, non tanto per raggiungere più Paesi, bensì per far sì che anche i miei amici internazionali potessero leggerlo e condividere questo viaggio con me. Da allora, con la precisione di un orologio svizzero, ogni mese le visite aumentavano, ogni settimana ricevevo più iscrizioni alla newsletter e ogni giorno qualche lettore mi lasciava un commento o mi scriveva una mail di complimenti, domande o anche solo un ciao per presentarmi la sua famiglia (con tanto di foto, le mie preferite!).

Ho puntato su rubriche che non ho potuto portare avanti, come Team Mama che da mensile si è trasformata in un guest post una volta ogni tanto (una cara amica ne sta preparando uno che sono sicura vi piacerà un sacco), e ne ho sottovalutate altre che mi stanno invece dando grande soddisfazione, come le recensioni di prodotti per bambini che mi hanno portata al numero uno in Google.it.

Ho scritto, scritto e scritto ancora, spesso con un obiettivo ben preciso in mente, altre volte in maniera estemporanea. Ho scritto di giorno e a volte di notte pur di riuscire a pubblicare e non deludere i miei lettori. Non ho smesso nemmeno quando ho pensato, “Ma chi me lo fa fare? Tre lingue? Ma è il triplo del lavoro! Sei pazza!”. In fondo, non potevo non far onore alla mia teoria del “la passione ce la si crea. Più si fa, più si diventa bravi, più ci si appassiona”.

Grazie a La Tela sono cresciuta come blogger, ma anche come madre, moglie e persona—l’ho sempre detto, scrivere è una terapia. Ma non solo. Grazie a La Tela, anche il mio primo bambino, la mia scuola di lingue Enclavia Languages, si è evoluta e si sta lentamente trasformando in un business con il pilota automatico (o almeno quella è la direzione).

Quindi quest’anno inizio settembre con tantissima energia su La Tela e progetti nuovi per me enormi, come quello di creare video-recensioni per il mio minuscolo canale YouTube o quello a me caro di portare sempre più Montessori nelle vostre case: e a questo proposito, vi svelo in anteprima che prestissimo pubblicherò il mio primo librino sull’aspetto pratico della filosofia Montessori in casa e come iniziare.

Spero continuerai a seguirmi e ad aiutarmi a tessere la mia ragnatela di pensieri condividendo i miei post e articoli con le famiglie a te care. E spero anche tu possa iniziare settembre con energia e progetti—vecchi o nuovi, piccoli o grandi, professionali o personali—che ti entusiasmino, perché alla fine non c’è niente di meglio di un po’ di sano fuoco della passione.

Un abbraccio a tutti.

Accedi alla conversazione

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la community e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.

Ti consiglio anche

Oliver sta attraversando una fase difficile: piange pareccchio quando siamo a casa. Non ho ancora capito se è per mancanza di stimoli, malessere generale causato dai dentini che...
7 min
Blog
Non so se ti ho già detto che stiamo crescendo Oliver trilingue (il paese in cui viviamo si prenderà cura della quarta lingua, lo spagnolo). Io sono italiana, Alex è finlandese,...
6 min
Blog
Oggi voglio raccontarti del nostro primo giorno di autosvezzamento, perché una cosa è leggerlo nei libri, un’altra è iniziare a metterlo in pratica con un bebè di sei mesi. Fa u...
4 min
Blog
Come per tante insegnanti e mamme, anche per me il nuovo anno inizia a settembre. Non a gennaio. Quando dico a mio marito “l’anno prossimo…” lui mi chiede “ma l’anno prossimo a ...
4 min
Blog