📣 Il mio libro è finalmente in libreria! →
Episodio 104 ·

Ragnatela in 5': "Scusa, ma…" (perché dovremmo evitarlo)

Oggi in questo episodio di pensieri a ragnatela in 5 minuti vi parlo di una frase che mi trovavo a dire spesso e che ho lentamente e consapevolmente eliminato dal mio modo di comunicare, perché non la trovavo sincera e nemmeno un buon modello per i miei figli.

:: Nell'episodio menziono:

  • L'episodio #36 su quando i bambini non vogliono chiedere scusa.
  • Il gioco del 54321 per calmare una mente agitata riportando l'attenzione ai sensi.

:: Come appoggiare il podcast:

Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità alimentano il consumismo e mi danno fastidio (quindi non voglio sottoporre voi una cosa che dà fastidio a me). Se vi piace il mio podcast e volete aiutarmi a mantenerlo vivo, potete aiutarmi a diffonderlo lasciando una recensione sulla piattaforma dove lo ascoltate e/o acquistare uno dei miei corsi o prodotti:

  • Educare a lungo termine – un corso online su un'educazione più consapevole (che educa noi prima dei nostri figli). Tanti genitori mi dicono gli ha cambiato la vita.
  • Co-schooling: educare a casa – un corso online su come giocare con i figli in maniera produttiva e affiancare il percorso scolastico per mantenere vivo il loro naturale amore per il sapere.
  • Come si fa un bebè – una guida per il genitore + libro stampabile per i bambini per avviare l'educazione sessuale in casa.
  • Storie Arcobaleno – una guida per il genitore + libro stampabile per bambini per abbattere i tabù sulla diversità sessuale e di genere.
  • È il tuo coccodrillo – una guida per il genitore + libro stampabile per bambini per capire i capricci e affrontarli con calma.
  • La Tela Shop – qui trovate attività per bambini stampabili (chiamarle attività è riduttivo), libricini per prime letture in stile montessori, audiolibri di favole reali per bambini, storie illustrate per le mamme… e presto molto altro!

Benvenute e benvenuti a un altro episodio di Educare con calma! Oggi parto da un piccolo estratto del libro che sto scrivendo, perché se non l’aveste ancora sentito da altre parti, sto scrivendo un libro che uscirà primavera 2023. Yay! Ma non mi dilungo perché se no non sto nei 5 minuti e oggi davvero credo di potercela fare!! L’estratto dice:

“Un paio di anni fa, quando i miei figli litigavano tra di loro, ma erano già in grado di risolvere i conflitti usando le parole, mi sono accorta che spesso dopo “scusa” dicevano “ma”. Scusa, ma. Ho seguito l’abitudine fino a scoprire che arrivava… da me — non ero sorpresa, le frasi dei bambini arrivano spesso dal modello degli adulti.

“Scusa se ho perso le staffe, MA hai proprio esagerato”; “Scusa se ho urlato, MA ero davvero arrabbiata”. La prima non è chiedere scusa, è fare una ramanzina. La seconda non è chiedere scusa, è giustificare l’urlo. Il MA nega ciò che viene prima — ma ciò che viene prima è quello che conta davvero, più del nostro bisogno egocentrico di giustificarci. Nella nostra società siamo spesso pronti a giustificare le nostre azioni perché arriviamo da un’educazione che le condanna a ogni passo, a volte anche ingiustamente.

[…]

“Scusa, ma” significa: ti chiedo scusa, però non ho sbagliato io. È un po’ come “Ti amo, ma” — “io ti amo, ma quando fai così faccio davvero fatica” — altra frase che ho piano piano eliminato dal mio vocabolario, perché l’amore ha già troppe condizioni.”

Questo piccolo estratto all’interno del libro rientra in una visione molto più ampia che va a toccare anche argomenti come non forzare i bambini a chiedere scusa, di cui parlo anche nell’episodio #36 del podcast e più approfonditamente nel mio corso Educare a Lungo Termine.

Ma a questo “Scusa, ma” pensavo proprio l’altro giorno quando ho avuto una di quelle giornate di frustrazione con i bimbi ed è in proprio quelle giornate in cui mi ritrovo a giustificare mie atteggiamenti sbagliati con scuse vuote come “Scusa, ma”. Per esempio:

“Scusami Oliver, ma mi sembra di doverti ripetere le cose 100 volte”

“Scusami Emily, ma sei davvero irragionevole quando ti comporti così”.

Oggi so che quelle scuse sono sbagliate e che fanno parte della mentalità dell’ego che ci insegna la società in cui viviamo, una società spesso pronta a puntare il dito, a criticare, a stigmatizzare l’errore, perché non si conosce l’importanza dell’errore, lo dico spesso che l’errore è maestro di vita. E quindi questo stigmatizzarlo a lungo termine insegna a chi sbaglia, che cosa? A nascondere l’errore o a mettersi sulla difensiva se qualcuno li critica. È un circolo vizioso che diminuisce l’empatia e aumenta il narcisismo perché ci fa concentrare di più sull’ego e questo si riflette anche nel chiedere scusa perché tendiamo a concentrarci sulle giustificazioni per il nostro comportamento invece che a prenderci le responsabilità delle nostre azioni e reazioni.

Imparare ad evitare di dire “scusa, ma” a me ha aiutato tantissimo per capire come mettere da parte l’ego in una discussione e prendermi le responsabilità delle mie azioni. E il modo in cui l’ho cambiato è questo: ho iniziato a riconoscerlo, prima di tutto, e poi a cambiare le scuse e dirne di più sincere senza il ma. Per esempio: 

“Quello che volevo dire davvero è: scusa. Senza nient’altro. Mi sono comportata in maniera poco rispettosa con te e ti chiedo scusa. Provo a fare meglio la prossima volta». E poi magari aggiungo: «Quando sei pronto mi piacerebbe parlarti di una cosa che mi ha dato fastidio e che magari puoi aiutarmi a capire”.

In questo modo la seconda parte della frase la traduco con una spiegazione. Per esempio, a volte ti dico le cose tante volte e tu non mi fai caso. Questo mi dà fastidio. Come possiamo cambiarlo?

Oppure:

A volte quando il tuo coccodrillo prende il sopravvento non riesco a comunicare con te. La prossima volta pensi che potremmo fare il gioco del 54321 per calmare il coccodrillo?

E così non annullo i miei sentimenti, ma li esprimo in maniera più sana e costruttiva per la relazione e soprattutto meno egocentrica, chiedendo prima scusa in maniera sincera e modellando così il tipo di scuse che vorrei imparassero a chiedere loro, offrendo empatia “capisco che magari sei ancora arrabbiato, quando sei pronto ti va se parliamo” e parlando di ciò che mi ha dato fastidio quando i cervelli sono calmo e ricettivi. Vinciamo tutti.

Spero che questo piccolo cambiamento nella comunicazione possa aiutare anche a voi e le vostre relazioni (con adulti e bambini) e vi lascio nelle note un paio di articoli relazionati a ciò di cui ho parlato.

Buona giornata, buona serata o buona notte, a seconda di dove siete nel mondo. Ciao ciao

Accedi alla conversazione

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la community e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.

La Tela Podcast

«Educare con calma» è un bel principio di cui a me mancava solo un dettaglio: la calma. Questo podcast è un resoconto del mio viaggio interiore di genitore.

Ti consiglio anche

4 min
Lezione