Le paure dei bambini si manifestano in modi diversi, così come diversa (per ognuno di loro) è l'esperienza che fanno di questa emozione spesso un po' scomoda.
Noi genitori possiamo aiutare i bambini a normalizzare queste esperienze, ad accogliere le proprie paure e a farci amicizia: non solo con le parole, ma anche attraverso forme e colori.

Parlo spesso della possibilità di dare una forma mentale alla rabbia e visualizzarla come un coccodrillo — il nostro cervello rettile — che prende il sopravvento sul nostro cervello razionale e ci fa agire in modi di cui poi ci pentiamo. In questo modo, quando i bambini sono in crisi, per calmarsi possono immaginare di mettere a dormire il coccodrillo nella loro testa.

Questo laboratorio parte dallo stesso presupposto, ma anziché proporre ai bambini un'immagine già delineata sulla paura, li accompagna a darle una forma (totalmente soggettiva e personale).

Creare questo personaggio e usarlo per tagliargli i capelli (di carta), decorarlo, vestirlo, rafforzerà l’idea che la paura può essere un’amica che ci accompagna nella quotidianità. E che possiamo smettere di sminuirla per iniziare ad accoglierla ed ascoltarla, perché la maggior parte delle volte vuole proteggerci da esperienze negative o che non siamo ancora in grado di gestire.

Questa attività è tratta dal volume «Avere paura - Capire e superare piccoli e grandi timori» che ho scritto per la collezione «Gioca e Impara con il metodo Montessori» a cura di Grazia Honegger Fresco (un’opera edita da Studio Dispari per Il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport). Il volume attualmente non è disponibile per l'acquisto e non è prevista una ristampa, ma magari puoi ancora trovarlo di seconda mano.

Puoi fare così:

  1. Se di recente vi è capitato un episodio di paura, parlatene insieme ai bambini. Poi dite: «Ho un'idea per un gioco! Ti va di dare forma a quella paura?». 
  2. Prendete un rotolo di carta igienica finito. Tagliate un foglio colorato a metà nel senso della lunghezza e accorciatelo in modo che faccia un giro intorno al rotolo di carta igienica. 
  3. Applicate la colla sul bordo lungo e attaccatelo a una estremità del rotolo: questi sono i capelli della «vostra» paura, ma non tagliateli ancora.
  4. Decorate il rotolo-personaggio come volete: lasciate spazio alla creatività e all'immaginazione! Può avere tre occhi e quattro bocche, vestiti disegnati da voi o può essere ricoperto di foglie e bastoncini. 
  5. Se volete, potete inventare un nome e scriverlo sul retro o chiamarla solo «la mia paura».
  6. Ora potete usarlo per giocare e la prima cosa che potete fare è… tagliare i suoi capelli con le forbici per un nuovo look! 

Accedi alla conversazione

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la community e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.

Ti potrebbe piacere anche
Podcast
ott 22, 2021 · 5 min · 6
68. Montessori in 5': Le parole che associamo alla paura
Avevo un altro argomento pronto per oggi, ma un episodio recente ha scaturito in me delle riflessioni sulla paura e visto che ci avviciniamo a Halloween ho pensato che sarebbe s...
dic 11, 2020 · 28 min · 18
19. Realtà, fantasia e immaginazione per i bambini: che si fa?
Perché in Montessori (e secondo altri studi) non si espone i bambini alla fantasia sotto i 6 anni? In questo episodio rispondo a questa domanda frequente, analizzo la differenza...
/