Non lasciarli all'asilo senza salutarli: salutare è un segnale d'amore

«Appena si gira, esci».

«Vai via senza farti vedere».

«Non salutarlo che piange».

NO!

Andare via senza salutarlo insegna:

  • Ad attaccarsi alle tue gambe il giorno dopo
  • A non perderti mai di vista per paura che lo abbandoni di nuovo
  • A temere l’abbandono
  • A non fidarsi di te a lungo termine

Salutare è un segnale d’amore.

Salutare crea fiducia.

Salutare dice: “Torno!”.

Non lasciare tuo figlio all’asilo senza salutarlo.

Alcuni bambini non piangono. Alcuni piangono perché fanno più fatica a staccarsi da te. Alcuni piangono perché non sono ancora pronti.⁣

Se devi distaccarti comunque, fallo con rispetto.⁣

Quando lasciamo i bambini all’asilo senza salutarli, gli unici che beneficiamo siamo noi, perché ce ne andiamo con l’anima a posto, prima che si rendano conto che non ci siamo e inizino a piangere.⁣

Salutare è un segnale d’amore.⁣⁣

Alcune idee per lasciarli all'asilo con rispetto:⁣

  • Respira, usa un tono calmo, controlla le tue emozioni.⁣
  • Preparalo a ciò che avverrà con sincerità e dettagli: andiamo in macchina, ci salutiamo, poi tu rimani all'asilo e io vado a lavorare e poi torno. Inizia con anticipo, parlatene con tranquillità: "Ti ricordi che cosa succede lunedì?".⁣
  • Parlate dei compagni e del maestro e provate a ricordare i nomi insieme.⁣
  • Parcheggia più lontano e camminate 2 minuti fino all’asilo. Arrivate in anticipo e godetevi la passeggiata, osservate ciò che avete intorno…⁣
  • Ricordagli che torni a prenderlo⁣, ripetilo più volte.
  • Dai riferimenti temporali concreti: «Torno a prenderti dopo il pranzo».⁣
  • Trovate un vostro rituale di saluto:⁣ Datevi il 5 in modo speciale⁣ (imparatelo a casa) / Lasciagli una moneta in tasca⁣ / Cantate la stessa canzone⁣ mentre siete in macchina o camminate / Scambiatevi un braccialetto⁣, un disegno, una moneta… / Disegnatevi lo stesso disegno sul braccio, sul ginocchio, sulla mano (un cuore, una stella, un fiore, qualcosa di vostro)⁣

Ma soprattutto, salutalo. Anche se significa che dovrai andare via con l’immagine del suo viso disperato. Poi sorridi, girati e vai.

Salutare è un segnale d’amore.⁣

Samira

Mi figlia ha 2 anni e mezzo. Io ci provo tutti i giorni a salutarla. La mattina glielo ricordo "Azzurra oggi saluti la mamma con un grande abbraccio? Poi mi fai ciao ciao dalla finestra?". E lei: "Si certo mammina". Puntualmente appena arriviamo davanti alla classe corre dentro senza guardarsi indietro e corre a giocare. Io la chiamo ma lei nulla, è troppo indaffarata. Poi aspetto giù alla finestra 5 / 10 minuti ma nulla, non si affaccia.

Carlotta

Bellissima manifestazione di indipendenza 💜

Penso che questi ti piaceranno

Blog

Educazione a lungo termine, Montessori, multilinguismo e viaggiare a tempo pieno con bambini.