📣 Il mio libro è finalmente in libreria! →

Il talento scomparso: una storia su Frida Kahlo

Frida ha perso la voglia di dipingere e Farah, Lucas e l’ingegnera Amelia l’aiutano a ritrovarla.

Anteprima

Ascolta un breve estratto dell'episodio

Lucas, Farah e l'ingegnera Amelia Hopper usano la penna saltatempo per tornare indietro nel tempo e aiutare Frida Kahlo a riscoprire la sua passione per la pittura. La storia è nata dall'immaginazione della nostra Valeria, ma tutti i riferimenti ai posti, alle tradizioni, alla vita e all'arte di Frida sono basate su biografie dell'artista e hanno base nella realtà. 

Nell'audiostoria scoprirete, attraverso l'avventura dei tre amici, tanti quadri di Frida Kahlo e dettagli della sua vita, nonché nozioni di lingua, cultura, cucina, geografia e tradizioni della città natale dell'artista; e nella guida vi suggeriamo argomenti di conversazione, informazioni dettagliate sulla vita e sull'arte di Frida per scoprire questa artista in famiglia e vi offriamo stampabili e foto per seguire gli interessi che nascono.

Questa audiostoria è per bambini e bambine che sanno concentrarsi più a lungo e che possono già processare la fantasia.

Questo progetto è stato reso possibile da:

Testo: Valeria Da Pozzo
Studio di registrazione: Wamajo studio
Voce narrante: Valentina Veratrini
Musiche: Enrico Messina

Che cosa trovi all'interno?

Ci piace offrire quello che vorremmo ricevere noi stessi.

Un'audiostoria di circa 45 minuti (ha un elemento di fantasia: il viaggio nel tempo)
Una guida con spunti di conversazione, nozioni su vita e arte dell'artista, nozioni di cultura generale
Foto di quadri, piatti e posti menzionati nell'audiostoria
Risorse extra per seguire l'interesse

Scopri la serie

Dopo le favole reali de La Nonna Che Parla per i più piccolini, nasce La Tela Racconta, una collezione di audiostorie per i bambini e le bambine che sanno concentrarsi più a lungo (ogni storia dura 45 minuti) e che possono già processare la fantasia (nella serie sull'arte, per esempio, ci sono i viaggi nel tempo!).

In ogni audiostoria seguiremo i personaggi in un'avventura divertente e nutriente, alla scoperta di posti nuovi del mondo, di persone di talento, di geografia, nuove lingue, culture e tradizioni.

  • Come da nostra abitudine su La Tela, le audiostorie che troverete in questa collezione offriranno situazioni, dialoghi e spunti di riflessione che potranno essere il motore per conversazioni importanti sul mondo, sulle emozioni e sulle relazioni con noi stessi e con gli altri.
  • A differenza di molti altri prodotti su La Tela, queste storie hanno elementi di fantasia: stiamo iniziando a creare prodotti anche per diverse fasce d'età. La Tela cresce con i figli di Carlotta!

Oliver ed Emily hanno iniziato ad ascoltare audiostorie simili (per lunghezza e fantasia) quando avevano 5 e 6 anni, ma erano già molto abituati all'ascolto degli audiolibri più brevi de «La nonna che parla» da quando avevano 2 anni. 

Le storie durano 45 minuti l'una e nel nostro team ci sono bambine di 5 anni che le ascoltano già: l'osservazione di tuo figlio è il miglior strumento per capire se è già pronto (non sottovalutare il suo potenziale). 

Inoltre, la collezione sull'arte ha elementi di fantasia (il viaggio nel tempo), quindi li consigliamo dai 5-6 anni in su, quando la mente è in grado di processarli.    

L'audiostoria dura 45 minuti.

Noi consigliamo le audiostorie come ottimi sostituti degli schermi: abituarsi all'ascolto allena la concentrazione, l'attenzione, la capacità di processare informazioni e l'immaginazione. Inoltre una storia che sa mantenere l'attenzione è divertente quanto un cartone animato, senza gli effetti negativi dello schermo sul cervello.

Queste audiostorie si possono ascoltare dall'inizio alla fine in una volta sola, come guardare due episodi di un cartone animato o un documentario breve. 

Creato da La Tela
Queste sono attività, libri e giochi stampabili che creiamo noi del team La Tela: sono versatili, divertenti, ispirati alla realtà e seguono i principi montessoriani (per esempio, i giochi hanno il controllo dell'errore in modo che il bambino possa usarli da solo). Sono tutti implementati dalla nostra Miriam con il massimo amore a un'incredibile cura per il dettaglio.
«Ho voluto inserire Frida in questa collezione anche se tante persone non la ritengono un’artista adatta all’infanzia. Io credo che possa essere, invece, un’ottima opportunità per parlare anche di argomenti importanti e un po’ tabù come la malattia. »