Stiamo percorrendo l’Italia: guarda tutte le date! →

La Tela di marzo: il mindset dei limiti a lungo termine

Inviato
21.443 recipienti
Salva

Nelle ultime newsletter ho parlato di più di temi legati alla crescita personale che all'educazione dei figli, perché sai che per me la genitorialità è prima di tutto crescere noi stessi come individui. Oggi però vorrei parlarti di una delle difficoltà più comuni tra i genitori: quella di impostare «limiti» (termine che deriva dal mio background montessoriano e sta a indicare quelle che più comunemente chiamiamo «regole») e farli poi rispettare.

In ogni tappa del tour del mio libro «Cosa sarò da grande», in cui si sono uniti e continuano ad unirsi centinaia di genitori (che emozione, ogni volta!), ci confrontiamo su alcuni dei falsi miti legati all'educazione a lungo termine e uno di quelli con cui le famiglie si scontrano più spesso è: «I bimbi, in questo tipo di educazione, fanno ciò che vogliono!». Questa mentalità è distante dalla realtà: già Maria Montessori ci insegnava che non esiste libertà senza limiti e le neuroscienze confermano che i bambini, come gli adulti, hanno bisogno di limiti per sentirsi al sicuro e per imparare a stare nel mondo. Per rendere questo concetto meno astratto, spesso uso l'immagine del conduttore: immagina di metterti al volante senza conoscere le regole del traffico, senza sapere chi ha la precedenza nella rotonda o che cosa significano i colori del semaforo. Come ti sentiresti? Non so tu, ma io mi sentirei estremamente insicura.

Iscriviti ora per leggere tutte le newsletters passate.