Stiamo percorrendo l’Italia: guarda tutte le date! →

La Tela di luglio: litigi tra genitori

Come gestiamo i conflitti di coppia

Inviato
5.550 recipienti
Salva

Ci vedi sui social media e io e Alex sembriamo la coppia perfetta. Tanti genitori mi scrivono chiedendomi come riesco ad avere un così bel rapporto con mio marito, come si fa a remare nella stessa direzione, come abbiamo trovato il nostro equilibrio di coppia dopo i figli. Nonostante siamo molto affiatati ed in linea su vari aspetti della genitorialità e dell'educazione — e della vita (!), non tutti fanno la pazzia di prendere e partire per viaggiare il mondo a tempo pieno — io e Alex non siamo certo immuni dalle difficoltà quotidiane della genitorialità e del matrimonio. 

Siamo una coppia normale: litighiamo, a volte ci feriamo senza volerlo mentre altre volte lo facciamo apposta, non ci capiamo, a volte non ci parliamo o vorremmo non parlarci. Vivendo e lavorando sempre insieme non è semplice risolvere i conflitti e negli anni abbiamo imparato a lasciarci scivolare addosso le incomprensioni più in fretta, siamo diventati più bravi a trovare il nostro equilibrio imperfetto, a chiedere scusa, a riconoscere quando sbagliamo, ad accettare l'errore, a fare un passo verso l'altro per avvicinarci, ad avere meno rancore e a ritrovare l'armonia più in fretta.

Ma.

È innegabile che un bambino arriva come un uragano nella relazione di coppia: ci sono tanti cambiamenti che a volte ci fanno pensare che ci siamo persi. Ma sappiamo che sta solo a noi ritrovarci — e prima ancora, ritrovare noi stessi. Ci ripetiamo che è normale. Ci ripetiamo che solo perché stiamo facendo fatica non significa che divorzieremo (questo aiuta me, che arrivo da genitori divorziati, ma anche lui, che ha perso la mamma a 6 anni — l'abbandono è un trauma dell'infanzia che riemerge quando diventi genitore). Facciamo un lavoro su noi stessi, individualmente, per curare le cicatrici dell'infanzia che non si sono mai davvero chiuse.

Ci ripetiamo che il dialogo ci salva e allora parliamo parliamo parliamo. Cerchiamo di fare una riunione a settimana in cui ci sediamo insieme con intenzione e parliamo di ciò che ci preoccupa della nostra relazione, ci mettiamo a nudo, ci regaliamo verità scomode, ci conosciamo un po' meglio. A volte non ci parliamo per due giorni, perché non crediamo nella regola del non andare a dormire arrabbiati l'uno con l'altro: crediamo sia più giusto darci i nostri spazi e ritrovarsi quando entrambi siamo pronti (questo per me è difficile perché vorrei risolvere tutto subito, ma provare a spegnere un fuoco con aria lo infiamma di più).

E poi ci ripetiamo di nuovo, all'infinito, che è tutto normale.

Siamo meno pazienti, meno tolleranti, ma anche più disillusi: è normale che ci diamo sui nervi, che perdiamo la pazienza verso l’altro — spesso sfoghiamo sull'altro per non sfogare sui bambini, non è giusto, ma è normale. È anche normale che dopo aver messo i bambini a dormire, a volte abbiamo solo voglia di goderci il silenzio guardando il telefono o leggendo un libro. È anche normale che facciamo l'amore molto meno e che a volte questo sia motivo di discussione.

È tutto normale finché se ne parla. Finché c'è dialogo.

Il matrimonio è duro lavoro. L’amore è duro lavoro. Abbiamo capito che dobbiamo lavorare sodo e continuamente per far funzionare la coppia e dobbiamo essere più razionali e meno emotivi. Ma anche con tutti questi strumenti, la nostra relazione non è facile: non fatevi ingannare, anche le relazioni che da fuori, sui social, sembrano perfette e affiatate, da dentro sono duro lavoro e infiniti compromessi. La buona notizia? Io sono convinta che se siamo entrambi disposti a fare quel lavoro, siamo sulla strada giusta. E poi dobbiamo solo accettare che anche se siamo entrambi determinati a fare il lavoro, non significa che il lavoro non pesi. Il lavoro pesa eccome!

Ma è tutto normale finché si ha voglia di fare il lavoro. Entrambi. Insieme.

Iscriviti ora per leggere tutte le newsletters passate.