«Quell’adulto non ha imparato a gestire le sue emozioni»

Carlotta Cerri
mar 18, 2023
Salva
Questa è una frase che dico spesso ai miei figli ed è un messaggio molto vicino al mio cuore: insegnare ai nostri figli a riconoscere gli abusi di potere e contestare le autorità che non li rispettano (che sia a scuola, in uno sport o per strada) è l’unico modo per dare loro la sicurezza di sé di cui hanno bisogno per affrontare il mondo fuori. 

A riguardo, un genitore mi ha scritto che si trova in difficoltà con l’insegnante di ginnastica artistica di sua figlia e che la bambina non vuole più andarci perché la maestra urla e la umilia. Ai genitori non viene data la possibilità di assistere alle lezioni e le bambine portano a casa frasi dure. Nel suo caso, la figlia si accorge della differenza tra famiglia e fuori e chiede spiegazioni. 

Il genitore mi chiede: "Che cosa faccio?”. 

Non c’è una soluzione giusta per tutti, ma sicuramente la prima cosa da farne è parlarne con i bambini, dire loro che quel comportamento e quelle frasi sono sbagliati e che quello è un adulto che non sa gestire le sue emozioni. Non forziamo i bambini a rispettare un’autorità che non li rispetta perché sennò stiamo dicendo loro: “Anche quando le persone ti trattano così va bene”. Non è vero!. 

Poi ne parlerei con l’insegnante e chiederei il motivo delle sue parole e urla, spiegando che a casa vostra parlate diversamente e che quindi la bimba è giustamente intimorita. È possibile che lei o lui si metta sulla difensiva e dica cose tipo: “Così si prepara al mondo fuori”, a cui noi rispondiamo che l’unico modo per prepararsi al mondo fuori è sapere cosa non è giusto per poterlo contestare. Poi ricordiamoci che purtroppo la realtà di sport come quello è spesso così: queste persone a volte non conoscono altro mondo perché anche loro sono state cresciute così. Questi sport sono meravigliosi, ma noi genitori dobbiamo assicurarci che siano ambienti sani.
 

Accedi alla conversazione (è gratis!)

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la comunità e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.