Due modi di risolvere i conflitti tra fratelli (solo uno funziona a lungo termine)

Scenario 1:

Oliver: Emily, smettila di spruzzarmi!

Emily: No!

Oliver: Mamma, Emily mi spruzza!

❌ Mamma: Emily! Smettila di spruzzare Oliver! È possibile che non riuscite mai ad andare d’accordo?

Emily reagisce con rabbia e lo rifà.

🙁 Ho creato una lotta di potere innecessaria.

Scenario 2:

Oliver: Emily, smettila di spruzzarmi!

Emily: No!

Oliver: Mamma, Emily mi spruzza!

✅ Mamma: Sono sicura che riuscite a risolverla da soli. Hai provato a chiederglielo gentilmente?

Oliver: Emily, puoi smettere di spruzzarmi per favore?

Emily: Ok, Oliver!

🙂 Ho dato loro fiducia e ho evitato la lotta di potere.

Perché ha funzionato?

👉 Perché sono anni che pratichiamo questo modo di risoluzione dei conflitti.

👉 Perché cerco di intervenire il meno possibile e di non essere giudice, ma mediatore.

👉 Perché Oliver giustamente ha piacere che la sua volontà sia rispettata, ma Emily altrettanto giustamente ha piacere che le si parli con rispetto.

In questo modo, io genitore:

👌 Mostro fiducia e rispetto ai miei figli

👌 Insegno il consenso

👌 Insegno la comunicazione rispettosa

👌 Insegno a risolvere i conflitti

[Tutto questo senza insegnare nel modo in cui pensiamo che un genitore debba insegnare: quando duchiamo a lungo temrine, non insegniamo dalla superiorità, insegniamo dal rispetto]

E quando non funziona?

👏 Insisto.

👏 Cerco di essere coerente.

👏 È un processo, mi fido del processo. So che se modello con rispetto, consenso e fiducia i miei bambini impararmi rispetto, consenso e fiducia. Se sono sempre pronta a criticare, puntare il dito, sgridare e decidere chi ha ragione, i miei figli faranno lo stesso.

Ps. Non va sempre così ma oggi, dopo tanti anni di pratica, ammetto che in percentuale funziona più così che al contrario. È un processo.

🎙Ascolta anche il mio episodio sui conflitti tra fratelli > late.la/podcast

Ambra

Ho ascoltato l’episodio del podcast legato alla risoluzione dei conflitti. L’ho trovato moolto utile e mi sono resa conto che non si finisce mai di imparare, essere genitore è un lavoro a tempo pieno non retribuito, se non dalle soddisfazioni personali e dal vedere i nostri figli crescere bene. Ho ancora un bimbo solo ma avendo lavorato nelle scuole materne penso che questi contenuti sarebbero molto utili anche per le insegnanti, che spesso non sono formate a dovere. Le università non insegnano questo tipo di approcci, riempiono la testa di contenuti teorici, che hanno sicuramente la loro importanza, ma poi nella pratica lasciano il tempo che trovano.
Grazie come sempre. 🙏🏼☺

Carlotta

Hai ragione, Ambra, noto anche io che spesso le insegnanti non usano strumenti così nelle scuole non montessoriane. È davvero un peccato, perché per me fanno la differenza, a lungo termine, tra persone che ricercano la pace o la guerra. Proprio per questo ho messo a disposizione i miei corsi gratis per tutti gli insegnanti, puoi leggere l'iniziativa qui: www.latela.com/insegnanti

Ps. Ho avuto un problema tecnico con i commenti, ma ora sto recuperando. 💜

Blog

Educazione a lungo termine, Montessori, multilinguismo e viaggiare a tempo pieno con bambini.