Trucchi facili e veloci per genitori: come far sì che i bambini piccoli mantengano le promesse

Non succede anche a te tutte le volte? Fai un patto con i tuoi bambini, scendi a compromessi, loro sono d’accordo, e poi… si dimenticano. A volte davvero non vogliono rispettare i patti, ma la maggior parte delle volte—bisogna dirlo—la loro mente non è così machiavellica, si dimenticano davvero e nel giro di pochi minuti.

Questo è un trucco facile e veloce che io e Alex abbiamo iniziato ad usare per assicurarci che Oliver mantenga le sue promesse e rispetti gli accordi presi.

Lo registriamo mentre accetta ciò che vogliamo che accetti. È a prova di tempo!

Ultimamente, per esempio, Oliver vuole sempre vedere due episodi di Curious George prima di andare a dormire, e quando si rende conto che è una battaglia che non può vincere, cerca sempre di convincerci a farlo addormentare sul divano in sala.

Così, una sera lo abbiamo registrato mentre accettava le nostre condizioni e quando ha provato a uscire dal patto (10 minuti dopo), gli abbiamo mostrato il video. Si è ricordato del nostro accordo (e in realtà era abbastanza sorpreso di vedere se stesso mentre accettava) e abbiamo evitato una lotta di potere. Gli abbiamo mostrato questo video (qui sotto) molte volte da allora, e funziona sempre!

La cosa più importante, ho notato, è dire le cose in maniera chiara e fare domande alle quali i bimbi rispondano attivamente (invece di spiegare il patto a parole senza coinvolgere i bimbi).

Provaci la prossima volta che ti trovi di fronte ad una lotta di potere, sono sicura che funzionerà!

In questo caso, il video è in inglese, ma se non lo capisci questo è quello che dicono:

Alex: “Quanti episodi di Curious George guardiamo?”Oliver: “Uno, non due, non tre, non quattro, non cinque, non sei”Alex: “E poi cosa facciamo?”Oliver: “Ci laviamo i denti”Alex: “No, quello lo facciamo prima”Oliver ripete: “Lavare i denti no”Alex: “Andiamo a dormire”Oliver: “Sì”Alex: “Andiamo a dormire nel letto”Oliver: “Sì”Alex: “Non qui”Oliver: “No”Alex: “Non in cucina”Oliver: “No”Alex: “Non nella tenda”Oliver: “No”Alex: “Andiamo nel letto di Oliver, ok?”Oliver: “Sì, ok”

Priscilla

Beh, la tecnologia a favore dei genitori. Potrebbe essere un'idea da sperimentare. Poi torno e ti racconto come è andata.
Grazie mille!

Carlotta

Grazie per il tuo commento Priscilla! Massì, ogni tanto dobbiamo ingegnarci perché questi bimbi ne sanno sempre una più di noi ;-) Un abbraccio!

Ma che MERAVIGLIA di bimbo hai fatto... <3

Carlotta

❤

Penso che questi ti piaceranno

Blog

Educazione a lungo termine, Montessori, multilinguismo e viaggiare a tempo pieno con bambini.