La Tela
Episodio 71

Montessori in 5': ma che società stiamo nutrendo?

In questo Montessori in 5' vi racconto un aneddoto triste che una mamma ha condiviso con me e che mi ha lasciata senza parole – quasi senza parole 😉 E vi lascio il mio augurio della settimana.

:: Come appoggiare il podcast:

Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità alimentano il consumismo e in più mi danno fastidio (quindi non voglio fare a voi una cosa che dà fastidio a me). Se vi piace il mio podcast e volete aiutarmi a mantenerlo vivo, potete aiutarmi a diffonderlo lasciando una recensione sulla piattaforma dove lo ascoltate e/o acquistare uno dei miei corsi o prodotti:

  • Educare a lungo termine – un corso online su come educare i nostri figli (e prima noi stessi) in maniera più consapevole. Tanti genitori mi dicono che gli ha cambiato la vita.
  • Co-schooling: educare a casa – un corso online su come giocare con i figli in maniera produttiva e affiancare il percorso scolastico per mantenere vivo il loro naturale amore per il sapere.
  • Come si fa un bebè – una guida per il genitore + libro stampabile per i bambini per avviare l'educazione sessuale in casa.
  • Storie Arcobaleno – una guida per il genitore + libro stampabile per bambini per abbattere i tabù sulla diversità sessuale e di genere.
  • La Tela Shop – qui trovate libricini per prime letture in stile montessori, audiolibri di favole reali per bambini, materiali Montessori fatti a mano e giocattoli in stile montessoriano… e presto molto altro! 

Benvenute e benvenuti a un’altro episodio di Educare con calma. In questo Montessori in 5’ vi leggo il messaggio di una mamma che mi ha lasciato senza parole. Fa così. 

Una settimana fa stavo tornando a casa con mia figlia nel passeggino, siccome c'era tanto sole avevo alzato il parasole e non la potevo vedere. Ho pensato di sfruttare quel momento per tirarmi avanti con il lavoro (sono mamma single) in modo che appena arrivata a casa potevo dedicarmi totalmente a mia figlia prima di metterla a letto e lavorare ancora. Mentre attraversavo la strada, la bambina è scivolata dal passeggino ed è caduta per terra! Io l’ho presa in braccio, ho attraversato di corsa la strada, ho lasciato il passeggino sul marciapiede e sono andata all'ombra a vedere come stava! Ero in super panico e mi sono sentita in colpa per non essere stata abbastanza attenta. Stavo cercando di finire le ultime cose al cellulare e non avevo notato che si fosse slacciata la cintura, poi si vede che si stava addormentando e non si è tenuta più, quindi è scivolata in avanti. 

La signora in auto sulla strada invece di chiedere se andava tutto bene, ha iniziato a insultarmi urlando davanti a tutti quanto fossi una madre incosciente, senza alcuna attenzione per i figli e tante altre parole che non ricordo. Questo semplicemente perché lei mi ha vista attraversare la strada spingendo il cellulare e con in mano il telefono. Certo, sicuramente non era l'ideale... ma non mi aspettavo tutta questa cattiveria e rabbia da una sconosciuta! Tutto questo non ha fatto altro che aumentare il panico di quel momento e il senso di colpa schiacciante! La bambina per fortuna non si è fatta assolutamente niente, nemmeno un graffio. Si è solo spaventata come me, ma forse ancora di più per quella signora che ci urlava addosso!

Per fortuna le mie amiche mamme mi hanno subito tranquillizzata in giornata.

Quando ho letto questo messaggio privato, ho subito avuto tre pensieri:

  1. Questa mamma ha sentito il dovere di dire che stava lavorando. E mi dispiace perché chissenefrega di che cosa stava facendo, anche se stesse guardando le storie di chissachì su instagram avrebbe avuto tutto il diritto di farlo, perché sapeva che poi arrivava a casa e doveva dedicarsi a sua figlia e probabilmente voleva farlo senza cellulare in mano.
  2. Questa mamma non ha alcun bisogno di giustificarsi, né con me  né con nessun altro. Poteva capitare a me, a te, alla mamma che stimiamo, alla nonna, al nonno… a chiunque. Sentiamo il dovere di giustificare le nostre azioni in continuazione perché viviamo con un costante senso di colpa di non stare facendo la cosa giusta nella maternità: be’, ti assicuro che quello che è successo a te, poteva succedere a me e a quell’altra mamma  che stimi e non avresti potuto prevederlo, perché magari fino al giorno prima tua figlia nemmeno sapeva slacciarsi la cintura o se ti fossi dimenticata di allacciarla tu… be’, ti assicuro che è un errore che non rifarai. Sapete come smettiamo di sentire il bisogno di giustificarci per cose di cui non abbiamo colpa? Smettendo di puntare il dito verso gli altri, e invece scegliendo di dare il beneficio del dubbio. E così poco a poco impariamo a darlo anche a noi stessi.        
  3. E il mio terzo pensiero è stato: ma in che società viviamo? Ma che società stiamo nutrendo, innaffiando, creando, lasciando al futuro? Andiamo talmente di corsa e abbiamo così poco tempo per tutto che trascuriamo la cosa più importante: l’individuo, la salute mentale. E questo genera risentimenti, rabbia repressa, dita puntate.

Come facciamo a questo ritmo e con queste abitudini di relazione e di comunicazione malsane anche solo a renderci conto che l’aggressività, le dita puntate, le critiche e i giudizi non portano a nulla di buono? Né nella genitorialità, né nelle relazioni, né in qualsiasi tentativo di comunicazione.

Dobbiamo fare meglio, possiamo fare meglio, ma io non posso farlo per te e tu non puoi farlo per me. Sta a ognuno di noi deciderlo. Sta a ognuno di noi guardarsi dentro, analizzare le proprie interazioni e capire come fare meglio la prossima volta.

Parlo spesso di comunicazione rispettosa con i bambini, di cambiare le frasi in positivo, di trovare alternative a minacce e castighi, ma a volte mi dimentico che per alcune persone questo è già un livello pro. Alcune persone devono fare o rifare prima il livello di base che è il decidere di essere persone gentili.

Perché una persona che si sente in diritto di urlare contro una mamma davanti a sua figlia, una mamma in questo caso poi già spaventata che sua figlia si possa essere fatta male, be’ credo che quella persona la gentilezza se la sia temporaneamente dimenticata.

Possiamo fare infinitamente meglio. 

Anche lei, signora del finestrino abbassato, se mai le arriveranno queste parole, ci tengo a dirle che so che quell’episodio lei non l’ha dimenticato, perché ora purtroppo deve convivere con quella versione di sé che lei stessa ha creato quel giorno nella sua mente, con quell’immagine di sé che urla per strada, sfogando la sua rabbia repressa su una povera mamma già in difficoltà. Ma le dico anche che può usare quel momento per decidere di fare meglio. Anche lei, come ognuno di noi, può fare infinitamente meglio. Inizi dal scegliere la gentilezza. 

E questo è il mio augurio oggi a chi mi sta ascoltando: scegliete la gentilezza.

Vi do appuntamento a venerdì prossimo e vi ricordo che mi trovate anche su www.latela.com dove potete anche lasciare un commento a questo episodio sulla pagina dell’episodio stesso e mi trovate anche su Instagram come @lateladicarlottablog. 

Buona serata, buon giornata o buona notte a seconda di dove siete nel mondo. Ciao ciao 

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Alessandra • mar 18, 2022

Ciao Carlotta, grazie per i tuoi preziosi contenuti. Se possibile e se legge questi commenti, vorrei dire alla mamma dell’episodio che hai raccontato che è capitata anche a me la stessa cosa. E io non stavo nemmeno guardando il cellulare, stavo spingendo il passeggino con la cappotta abbassata e, nonostante stessi quindi guardano la strada ( fortunatamente pedonale) e il passeggino, la mia bimba è scivolata ed é finita per terra in mezzo alle ruote del passeggino. E ti dirò di più, c’era anche il babbo, tanto per non farsi mancare niente nell’essere “rincoglioniti” :P scherzi a parte, è stata una frazione di secondo, può capitare a chiunque, sia con sia senza telefono , per mille ragione o, forse più semplicemente, per nessuna. Nel nostro caso, la bimba non solo non si è fatta niente, ma, essendo già grandina ,non si è nemmeno spaventata e i passanti sono stati gentili rivolgendoci dei sorrisi. Sono, invece, profondamente addolorata per la reazione che hai ricevuto te.

🌸 Carlotta • mar 19, 2022

Ciao Alessandra, certo che vi leggo, uno ad uno, e rispondo a tutti i commenti (adoro le conversazioni che si creano nei commenti del blog :-)

Grazie infinite per le tue parole, hai proprio ragione, può capitare a chiunque. Noi adulti dobbiamo lavorare molto su noi stessi: i bambini non imparano a parole, imparano ad azioni, copiando noi. Se non siamo noi il loro esempio di rispetto, come possono impararlo? Molto triste :-(

Giulia • feb 15, 2022

Ciao Carlotta, il tuo podcast mi piace moltissimo, mi è venuta in mente una domanda ascoltando questo episodio, riguarda il cellulare. Io ho un bimbo di un anno, e alle volte capita che anche mentre gioco con lui che mi ritrovi a guardare il cellulare, magari per un messaggio o magari perché lui è concentrato a fare altro e io "ne approfitto" per controllare i social ecc. Ma quando lui richiede la mia attenzione io mi sento in colpa di essermi distratta da lui. Come gestisci te l'uso del cellulare quando sei con i tuoi figli?

🌸 Carlotta • mar 14, 2022

Non sentirti in colpa, è giusto che ognuno impari a stare da solo e si dia spazio per stare da solo. Certo, cercherei di non stare troppo al telefono di fronte ai bambini, proprio per non creare l'esempio (ricordati che ciò in cui sei interessata tu è ciò in cui sarà interessato lui).

Io quando sono con loro, cerco di usare il telefono il meno possibile, e se lo uso dico loro che sto facendo. Se posso, uso il computer invece del telefono (per esempio se ho un lavoro che posso fare su entrambi, preferisco il computer). Se invece leggo un e-book, lo faccio su un altro dispositivo che non sia il cell. Ovviamente non sempre riesco a fare tutto così, ma ci provo il più possibile.

Ps. Ho avuto un problema tecnico con i commenti, ma sto recuperando :-)

Giulia • mar 14, 2022

Ti ringrazio Carlotta ☺

🌸 Carlotta • mar 14, 2022

Grazie a te, Giulia!

Alice • nov 26, 2021

Ciao Carlotta, mi è piaciuto molto questo episodio.
Mi ci sono ritrovata (mamma single) e come dici tu ciò che è successo sarebbe potuto capitare a me, a te a chiunque.
Quello su cui ho riflettuto è quanto questi giudizi, critiche, 'non accoglienza', siano troppo! Presenti anche nella nostra mente prima che arrivino dagli altri e questo proprio perché siamo abituati a questa routine di relazione che predilige il lato negativo, la critica, il lato mancante, al posto di fare emergere il supporto, l'empatia, il positivo.. quindi accolgo con piacere questo tuo augurio. Buona giornata, Alice

🌸 Carlotta • nov 28, 2021

È un augurio fatto con cuore 💕

Roberta • nov 16, 2021

Un paio di anni fa mi trovavo in un parco giochi in Trentino con mio marito e le mie 2 bimbe di 2 e 4 anni...abbiamo visto uno di quegli scivoli lunghi che si trovano spesso in Trentino e io, senza leggere la descrizione che si trovava ad inizio percorso, ho accompagnato le bimbe.
La piccola (più temeraria) è partita per prima, ma ha preso subito velocità ed è stata sballottolata da una parte all'altra dello scivolo.
Io ero terrorizzata, ancora oggi mi vengono i brividi se ci penso, sono corsa in fondo allo scivolo dove c'erano mio marito e una coppia che ha iniziato ad insultarmi, non ricordo nemmeno cosa dissero perché ero in panico...era uno scivolo adatto dai 5/6 anni e io non avevo letto il cartello. Tutt'ora mi sento in colpa, ma da quel giorno gli scivoli li provo prima io!
Di certo la reazione di quella coppia non mi ha aiutata

🌸 Carlotta • nov 16, 2021

Grazie mille per averlo condiviso con noi. L'errore è un amico, l'errore è il modo migliore per imparare (se abbiamo l'umiltà di riconoscerlo, come hai fatto tu): e magari proprio grazie a questa esperienza, hai anche imparato ad accogliere gli errori dei tuoi figli, perché hai capito quanto è facile sbagliare e quanto è triste non sentirsi accolti nell'errore. :-)

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.
Grazie per avermi ascoltata!