📣 Il mio libro è finalmente in libreria! →

5 ragioni per smettere di dire «bravo» (di Alfie Kohn)

Ti traduco un articolo di Alfie Kohn, forse il più completo sul perché smettere di dire «bravo» ai nostri figli.

Carlotta Cerri
Salva

Alfie Kohn è un autore americano che scrive di educazione, genitorialità e comportamenti umani. Ha scritto, tra gli altri, il bestseller “Amarli senza se e senza ma” in cui esplora la domanda “Quali sono i bisogni dei nostri figli e come possiamo soddisfare tali bisogni?" invece di “Come riuscire a far sì che i nostri figli facciano quel che diciamo loro di fare?" (te lo lascio nei link).

La rivista Time lo descrive così: “forse il critico più esplicito sull’ossessione che l’educazione tradizionale ha per voti e test”.






Fai un salto ad un parco giochi, visita una scuola o partecipa alla festa di compleanno di un bambino e c'è una frase che ascolterai ripetutamente: “Bravo!”, "Bel lavoro!". Perfino i neonati vengono elogiati per mettere le mani insieme ("Bravo, bell’applauso!“). Molti di noi mettono in evidenza questi giudizi dei nostri figli al punto che è diventato quasi un tic verbale.
 

Un sacco di libri e articoli ci consigliano di non fare affidamento sulla punizione, dalla sculacciata all'isolamento forzato ("time out"). Occasionalmente qualcuno ci chiede addirittura di ripensare alla pratica di corrompere i bambini con adesivi o cibo. Ma è terribilmente difficile trovare articoli scoraggianti riguardo a ciò che è eufemisticamente chiamato rinforzo positivo.

Perché non ci siano equivoci, il punto qui non è di mettere in discussione l'importanza di appoggiare e incoraggiare i bambini, il bisogno di amarli e abbracciarli e aiutarli a sentirsi bene con se stessi. L’elogio, tuttavia, è completamente diverso. Ecco perché.

 

1. Manipola i bambini

Supponiamo che tu offra una ricompensa verbale per rafforzare il comportamento di un bambino di due anni che mangia senza sporcarsi, o di un bambino di cinque anni che ripulisce i suoi materiali d'arte. Chi trae beneficio da questo? È possibile che dire ai bambini che hanno fatto un buon lavoro possa avere meno a che fare con i loro bisogni emotivi e più con la nostra comodità?

Questo è quello che Rheta DeVries, un professore d’educazione presso l'Università del Nord Iowa, definisce come "controllo glassato". Molto simile a ricompense tangibili — o anche punizioni — è un modo di far sì che i bambini soddisfino i nostri desideri. Può essere efficace per produrre questo risultato (almeno per un po'), ma è molto diverso dal lavorare con i bambini: ad esempio, coinvolgendoli in una conversazione su ciò che fa sì che un’aula (o una famiglia) funzioni bene, o su come altre persone si sentono quando facciamo (o non riusciamo a fare) qualcosa. Quest'ultimo approccio non è solo più rispettoso, ma è più probabile che aiuti i bambini a diventare persone riflessive.

La ragione per cui l’elogio può funzionare a breve termine è che i bambini piccoli hanno fame della nostra approvazione. Ma noi genitori abbiamo la responsabilità di non sfruttare questa dipendenza per nostra comodità. I bambini stessi potrebbero sentirsi manipolati da questo, anche se non riescono a spiegare il perché.

 

2. Crea drogati di elogi

A dire il vero, non tutti gli elogi sono una tattica calcolata per controllare il comportamento dei bambini. A volte ci complimentiamo con i bambini solo perché siamo sinceramente contenti di quello che hanno fatto. Anche allora, però, vale la pena pensarci due volte. Piuttosto che rafforzare l'autostima di un bambino, la lode può aumentare la dipendenza dei bambini da noi. Più diciamo "Mi piace come hai…" o "bravo che hai…", più i bambini fanno affidamento sulle nostre valutazioni, le nostre decisioni su ciò che è bene e ciò che è male, piuttosto che imparare a formulare i propri giudizi. Li porta a misurare il loro valore in termini di ciò che ci porterà a sorridere e dare loro più approvazione.

Mary Budd Rowe, ricercatrice all'Università della Florida, ha scoperto che gli studenti elogiati generosamente dai loro insegnanti erano più timidi nelle risposte, più propensi a rispondere con un tono di voce interrogativo ("Um, sette?"). Tendevano a rinunciare a un'idea che avevano proposto non appena un adulto era in disaccordo con loro. Ed era meno probabile che persistessero con compiti difficili o condividessero le loro idee con altri studenti.

In breve, “Bravo” e "Buon lavoro!" non rassicurano i bambini; li rendono meno sicuri. Potrebbe persino creare un circolo vizioso in cui più ci dilunghiamo con l’elogio, più i bambini sembrano averne bisogno, quindi li elogiamo ancora di più. Purtroppo, alcuni di questi bambini diventeranno adulti che continuano ad aver bisogno che qualcun gli dia una pacca sulla spalla e dica loro se quello che hanno fatto va bene. Sicuramente questo non è ciò che vogliamo per le nostre figlie e in nostri figli.

 

3. Ruba il piacere di un bambino

Oltre al problema della dipendenza, un bambino merita di provare piacere per i suoi successi, di sentirsi orgoglioso di ciò che ha imparato a fare. Merita anche di decidere quando sentirsi in quel modo. Ogni volta che diciamo “Bravo” o "Bel lavoro!", però, stiamo dicendo a un bambino come sentirsi.

Per essere sicuri, ci sono momenti in cui le nostre valutazioni sono appropriate e la nostra guida è necessaria, specialmente con bambini piccoli e bambini in età prescolare. Ma un flusso costante di giudizi di valore non è né necessario né utile per lo sviluppo dei bambini. Sfortunatamente, potremmo non aver capito che "Buon lavoro!" è una valutazione esattamente come lo è "Cattivo!" o “pessimo lavoro!”. La caratteristica più importante di un giudizio positivo non è che sia positivo, ma che sia un giudizio. E le persone, compresi i bambini, non amano essere giudicati.

Adoro quando mia figlia riesce a fare qualcosa per la prima volta o fa qualcosa meglio di come non lo abbia mai fatto prima. Ma cerco di resistere alla tendenza istintiva di dire: “Brava”, "Bel lavoro!" perché non voglio diluire la sua gioia. Voglio che condivida il suo piacere con me, non che mi cerchi per un verdetto. Voglio che esclami, "L'ho fatto!" (cosa che fa spesso) invece di chiedermi incerta: "Va bene?" o “È bello?”.

 

4. Fa perdere interesse

"Che bel disegno!" può far sì che i bambini continuino a dipingere solo fino a quando continuiamo a guardare ed elogiare. Ma, avverte Lilian Katz, una delle principali autorità americane sull'educazione della prima infanzia, "una volta che ritiriamo l'attenzione, molti bambini non toccheranno più quell'attività". In effetti, un'impressionante quantità di ricerca scientifica ha dimostrato che più premiamo le persone per fare qualcosa, più tendono a perdere interesse in tutto ciò che hanno da fare per ottenere la ricompensa. Ora il punto non è disegnare, leggere, pensare, creare: il punto è ottenere il premio, sia che si tratti di un gelato, di un adesivo o di un "bel lavoro!"

In uno studio preoccupante condotto da Joan Grusec all'Università di Toronto, i bambini piccoli che venivano spesso elogiati per manifestazioni di generosità tendevano a essere leggermente meno generosi su base giornaliera rispetto agli altri bambini. Ogni volta che avevano sentito "Bravo che hai condiviso!" o "Sono così orgoglioso che mi hai aiutato", perdevano un po' l’interesse a condividere o ad aiutare. Quelle azioni venivano viste non come qualcosa di valore a sé stante ma come qualcosa che dovevano fare per ottenere di nuovo quella reazione da un adulto. La generosità diventava un mezzo per un fine.

Gli elogi motivano i bambini? Sicuro. Motivano i bambini a ricevere elogi. Purtroppo, questo è spesso a scapito dell'impegno che mettono in qualsiasi cosa debbano fare per ottenere quell’elogio.

 

5. Riduce il successo

Come se non fosse già abbastanza che “bravo” o "bel lavoro!" possano minare l'indipendenza, il piacere e l'interesse, possono anche interferire con la qualità del lavoro svolto dai bambini. I ricercatori continuano a scoprire che i bambini che sono elogiati per aver fatto bene un compito creativo tendono a inciampare nel prossimo compito — e non lavorano bene come i bambini che non sono mai stati elogiati.

Perché succede? In parte perché l’elogio crea pressione per "continuare a fare un buon lavoro" e questa pressione ostacola la qualità del lavoro stesso. In parte perché il loro interesse per quello che stanno facendo potrebbe essere diminuito. In parte perché diventano meno propensi a correre dei rischi — un prerequisito per la creatività — una volta che iniziano a pensare a come ottenere più commenti positivi.

Più in generale, "Bel lavoro!" è un residuo di un approccio alla psicologia che riduce tutta la vita umana a comportamenti che possono essere visti e misurati. Sfortunatamente, questo ignora i pensieri, i sentimenti e i valori che si celano dietro i comportamenti. Ad esempio, un bambino può condividere uno spuntino con un amico come un modo per ottenere elogi oppure come un modo per assicurarsi che l'altro bambino abbia abbastanza da mangiare. L’elogio per la condivisione ignora i diversi motivi. Peggio ancora, in realtà promuove il motivo meno desiderabile rendendo i bambini più propensi a cercare elogi in futuro.

Accedi alla conversazione

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la community e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.