Stiamo percorrendo l’Italia: guarda tutte le date! →

«Gli amici ti trattano bene»: i tuoi figli devono saperlo

Carlotta Cerri
Salva
I messaggi che trasmetto ogni giorno ai miei figli sono: 
  • Una persona che non ci tratta bene non è amica.
  • Va bene non piacere a tutti. 
  • Va bene non essere amico di tutti.
  • Non devi per forza essere amico di X.
  • Se senti di non appartenere a un gruppo, non sei tenuto a rimanerci.
  • Non accettare quando una persona ti tratta male: gli amici ci trattano bene.
Per trasmettere questi messaggi dobbiamo prima di tutto analizzare le nostre relazioni: sono sostenibili? 

E sì: mi riferisco anche alle relazioni con i membri della famiglia. Tanti adulti mi raccontano che si sentono imprigionati in una relazione di gerarchia con i genitori, in cui se non “ascoltano” o “non soddisfano le aspettative” si vedono privati dell’amore, si sentono dire che hanno deluso. 

Dobbiamo scrollarci di dosso l’idea che la famiglia è sacra e che si debba accettare ogni membro della famiglia anche se non ci tratta bene o se quella relazione non ci fa stare bene. L’amore e il rispetto per noi stessi vengono prima: solo in questo modo possiamo insegnarlo anche ai nostri figli.

Accedi alla conversazione

Parla di questo post con il team La Tela e tutta la community e unisciti alle conversazioni su genitorialità, vita di coppia, educazione e tanto altro.