La Tela di Carlotta
it en es

Montessori VS "il mondo reale"

apr 14, 2021

«Educo mio figlio Montessori, ma fuori "il mondo reale" è tutt'altro: come faccio?».

Ricevo spesso questa domanda: quando si sceglie un'educazione alternativa a casa, come si affronta il mondo reale? I genitori mi scrivono: «A scuola usano castighi e punizioni e Montessori per noi non è un'opzione; i nonni, con tutte le buone intenzioni, non riescono a cambiare i loro metodi. In casa applichiamo Montessori, ma nella vita reale posso fare poco. Come aiuto i miei figli?».  

Magari è vero che che nella "vita reale" si possa abbia poco controllo, ma so per certo che anche i genitori che mandano i bambini alla scuola tradizionale o che li lasciano con i nonni lunghe ore, a casa possano scegliere (e trarre benefici da) Montessori, respectful parenting, educazione dolce, disciplina positiva per educare i propri figli a casa.

Il nucleo famigliare (soprattutto nei primi sei anni) è il punto di riferimento più importante per un bambino. Quello che fanno i genitori in casa è ciò che farà la differenza tra la percezione di giusto e sbagliato nella mente dei bambini. Questo è esattamente l'aiuto di cui i bambini hanno bisogno per affrontare un mondo diverso da quello che trovano in casa.

Ma vi inviterei a riflettere sulle parole: la vita reale. Parlare di realtà riferendosi a quello che trovate fuori casa sminuisce le scelte che fate in casa. L'educazione a lungo termine che avete scelto È LA VOSTRA REALTÀ.

Credeteci, fate della vostra scelta una parte del vostro stile di vita – non solo un metodo di educazione che va un po' contro corrente — e vi assicuro che anche la vostra mentalità cambierà.

Gli altri e il loro comportamento non possiamo controllarli. Il mondo fuori sarà sempre meno ideale di quello che possiamo creare noi stessi in casa, dove tutto dipende da noi e dal lavoro che siamo disposti a fare su noi stessi. L'educazione a lungo termine non è mirata al mondo fuori, è un percorso intimo e personale dell'individuo che si riflette sulla famiglia – e che, chissà, magari ispira altri individui e altre famiglie.

Nella pratica

E per rispondere alla domanda "Come aiuto i miei figli?" in termini più pratici:

  • Parlate con loro delle scelte degli altri (insegnanti, nonni…), senza giudizio: descrivete una situazione e fate notare la differenza con ciò che fate voi, come famiglia, in casa;
  • Fate loro domande, chiedete che cosa hanno provato quando hanno sentito una determinata frase ("se non stai fermo, arriva l'uomo cattivo") o visto una determinata azione (l'insegnante che mette l'amico in punizione);
  • Chiedete loro "E noi come facciamo nella nostra famiglia?". Usate questa espressione "nella nostra famiglia" quando affrontate questi argomenti, per far notare che possiamo scegliere di fare diversamente dagli altri, che possiamo educarci in maniera diversa, che possiamo scegliere le parole che usiamo, i comportamenti, le (re)azioni: questo aiuta i bambini a capire che come ci comportiamo e quello che diciamo è SEMPRE una scelta personale.
  • Siate coerenti nelle vostre scelte. Non cedete alle minacce o alle bugie bianche quando nient'altro sembra funzionare. Non perpetuate comportamenti e mentalità che non vorreste vedere nei vostri figli. Abbiate fiducia nell'educazione che avete scelto e nel cambiamento che volete promuovere. Se vogliamo che il "mondo reale" sia sempre meno diverso, dobbiamo educare prima noi stessi.  

Crescere i nostri figli a lungo termine potrebbe non sembrare che abbia senso nel nostro presente, ma farà la differenza nel loro futuro.


Se ti interessa capire cos'è l'educazione a lungo termine e come applicarla nella tua famiglia, ti invito a dare un'occhiata al mio corso online per genitori "Educare a lungo termine".

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Gennaro • lug 8, 2021

Ciao! Mi chiedo se ciò si possa applicare anche per le materie scolastiche, almeno nella primaria. Quindi se la scuola il bambino utilizza metodi tradizionali o comunque non-Montessori, a casa è proficuo - piuttosto che rischioso perché si genera confusione nel bambino - che noi genitori proponiamo i metodi e materiali Montessori per l’apprendimento della matematica, dell’italiano, etc.?

🌸 Carlotta • lug 8, 2021

Bingo! Per me la risposta è assolutamente sì, ho perfino creato un intero corso online (co-schooling: educare a casa) proprio perché credo fortemente che sia come scrivi. 😍

Francesca • apr 16, 2021

È molto giusta la tua riflessione... è una delle obiezioni che mi fanno maggiormente le persone che seguono un’educazione tradizionale e che cercano il limite del metodo che seguo io! Mi dicono: « ma devono pur imparare a difendersi... il mondo fuori non è lo stesso che a casa! » Io rispondo: « e quindi se il mondo fuori è cattivo io devo far si che mia figlia diventi cattiva? » 🤔 È un po’ come il discorso che spesso fanno sulle scuole Montessori : « poi quando passano alle scuole superiori sono persi perché non si ritrovano nel sistema scolastico classico! » Ok, quindi tolgo l’opportunità a mia figlia di seguire un corso di studi che dia valore alle sue capacità, così quando va al liceo si trova bene!  🤔🤔🤔

🌸 Carlotta • apr 16, 2021

Concordo in tutto! (Che poi di solito chi arriva da Montessori al liceo si trova sempre avvantaggiato/a 😉)

Cristina • apr 16, 2021

Cara Carlotta, ho acquistato e sto cercando di seguire (come sai il mio bimbo dorme poco quindi gli spazi di tempo sono limitatissimi) il tuo corso perché il tipo di educazione che promuovi e che porti avanti mi è subito sembrata la scelta migliore per noi e devo dire che questa è una delle prime domande che mi sono fatta. Grazie per i sempre ottimi spunti di riflessione e i suggerimenti che dai, sei inestimabile.

Ps. Possiamo parlare un attimo di quanto costa una scuola montessoriana in Italia?! In questi giorni mi sto occupando del nido e mi sono vista arrivare una richiesta del DOPPIO della già cara retta d'iscrizione.

🌸 Carlotta • apr 16, 2021

Che tristezza che le scuole Montessori costino così tanto in Europa, pensa che in Nuova Zelanda sono gratis! 😢 Speriamo che le cose stiano cambiando piano piano anche in Europa.

Eleonora • apr 16, 2021

Ciao Carlotta!
La frase più frequente di mia suocera quando mia figlia non segue dei dettami è "Guarda che adesso arriva la mamma e ti sgrida!". È un monito che mi mette in forte difficoltà e non so come interagire con mia suocera dicendole che non voglio più che faccia questa esternazione. Vorrei anche parlare con mia figlia spiegandole che non è farina del mio sacco, ma come farlo con una bambina di 3 anni?

🌸 Carlotta • apr 16, 2021

Hai provato a invitarla a prendere un caffè, senza i bimbi presenti, e parlarne con dolcezza spiegando i perché e chiedendo se potete trovare un compromesso? Lei non è tenuta a cambiare, ma magari se capisce perché per te è così importante, ci prova (ma non aspettarti nulla).

Rosalba • apr 16, 2021

A volte devo ammettere che è frustrante, perché gli effetti del "fuori" si manifestano, ma a maggior ragione per questo penso che bisogna perseverare nel mettere in pratica ciò in cui crediamo...perché si manifestano anche gli effetti dei nostri sforzi.
Dobbiamo guardare anche il bicchiere mezzo pieno, e fare di tutto perché in futuro venga riempito del tutto! 💪😊

🌸 Carlotta • apr 16, 2021

Sono proprio d'accordo con te! 🙌

Cristina • apr 15, 2021

Hai ragione. Però l'educazione Montessori lascia un margine di autonomia e di dialogo che può far sembrare il bambino polemico o troppo intraprendente a scuola o con i nonni. Dovra' imparare a compiacere gli estranei con atteggiamenti cauti. Tipo mettere una maschera...impegnativo.

🌸 Carlotta • apr 16, 2021

Non credo, sai? Magari all’inizio, quando sono piccolini, ma poi il rispetto prende il sopravvento. Non sarà compiacere, sarà rispettare. Non è polemico, è un pensatore critico 💕

Valentina • apr 15, 2021

Mi sembrano ottime idee pratiche! Mi chiedo ogni giorno se vale la pena lo sforzo che facciamo in famiglia nonostante la maggior parte delle volte ciò che ci circonda sia non linea con il nostro modo di fare .. Non avevo pensato a descrivere le differenze. Grazie, come al solito!

🌸 Carlotta • apr 16, 2021

Grazie a te che mi leggi! 🌸

Penso che questi ti piaceranno

La missione de La Tela è accompagnare papà e mamme nel viaggio della genitorialità e dare opportunità a genitori di talento di condividerlo nello Shop.

Nella mia newsletter ti racconto (circa una volta al mese, ma soprattutto quando mi sento ispirata) aneddoti e progetti personali e pensieri a random – nelle precedenti ho parlato del dolore due bambini, del mascherare le nostre emozioni di adulti, di come continueremo a viaggiare questa estate…

Ciao! Ti va di conoscere i miei progetti futuri e la mia ragnatela di pensieri?
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!