La Tela di Carlotta
it en es

Cosa significa essere viaggiatori a tempo pieno ai tempi del Coronavirus

mar 14, 2020

Qualcuno mi ha detto che è probabilmente il momento migliore per avere questo stile di vita nomade, perché possiamo scegliere di andare ovunque vogliamo. Anche se mi sento estremamente fortunata a poter scegliere (per ora), voglio condividere con voi cosa significa essere una famiglia di viaggiatori a tempo pieno durante il COVID-19.

Non è così facile come sembra. Non abbiamo una casa, abbiamo venduto tutto prima di partire. I paesi che chiamiamo casa sono chiusi con la nostra famiglia e i nostri amici dentro (anche se potessimo tornare indietro, sarebbe giusto/intelligente?). Abbiamo solo abiti estivi, ma ora sarà difficile seguire il sole.

Viaggiare non è comunque responsabile in questo momento, perché si può fare da taxi al virus. A livello più pratico, i paesi chiudono. Le compagnie aeree cancellano. Non ci sentiremo più benvenuti ovunque. Ogni volta che viaggiamo dovremo fare 14 giorni di quarantena (non solo se lo dice il Paese, ma perché è la cosa giusta da fare). Non possiamo restare fermi a lungo in un posto, per via del visto. Molti paesi non permettono di entrare senza un biglietto e una data d’uscita: ciò significa che abbiamo bisogno di un piano, che al momento è impossibile avere.

Siamo grati di aver trovato questo piccolo pezzo di pianeta in questa fattoria Nuova Zelanda dove possiamo fermarci per un po’. Ma come tutti, abbiamo solo domande e pochissime risposte. Come per tutti, anche per noi, questo è un momento di grande incertezza, un pizzico di paura e molta attesa.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

La missione de La Tela è accompagnare papà e mamme nel viaggio della genitorialità e dare opportunità a genitori di talento di condividerlo nello Shop.

Nella mia newsletter ti racconto (circa una volta al mese, ma soprattutto quando mi sento ispirata) aneddoti e progetti personali e pensieri a random – nelle precedenti ho parlato del dolore due bambini, del mascherare le nostre emozioni di adulti, di come continueremo a viaggiare questa estate…

Ciao! Ti va di conoscere i miei progetti futuri e la mia ragnatela di pensieri?
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!