Episodio 35
In questo episodio di Educare con Calma vi racconto la mia esperienza con l’allattamento, con lo smettere di allattare e anche come la mia visione sull’allattamento sia cambiata...

Trascrizione automatica (grazie per la tua pazienza):

Oggi a grande richiesta vorrei raccontarvi la mia esperienza con l’allattamento. Premetto che è da tantissimo che voglio registrare un episodio sull’allattamento e avevo anche una collezione di articoli e podcast da leggere e ascoltare per farmi un’idea migliore di ciò che volevo dirvi, ma ho poi deciso di non leggere nulla. Di andare a istinto e seguire quello che sento di aver voglia di raccontarvi. Quindi questo non sarà un episodio informativo, ma mi limiterò a raccontarvi la mia esperienza d’allattamento con entrambi i miei bambini, le mie sensazioni durante l’allattamento, tra cui un aneddoto di cui mi vergogno un po’ ma che ho superato e vi racconterò, e poi anche come abbiamo smesso e perché abbiamo smesso e su questo magari mi soffermerò un po’ di più perché credo sia un tasto dolente per molte mamme che sentono di essere arrivate al loro limite personale, ma non sanno come smettere o si sentono in colpa anche solo al pensiero di smettere. E ovviamente parlerò di tutto questo con onestà, senza troppi peli sulla lingua, ma spero davvero con più tatto possibile, anche contando come sempre sulla vostra accoglienza. Quindi, allacciatevi le cinture di sicurezza, aprite la mente e accoglietemi. Sono un po’ nervosa, perché questo sembra essere uno di quegli argomenti che genera sempre discussioni poco produttive, gente che si accanisce l’una contro l’altra, di quelle che proprio a me non piacciono, MA voi sapete che io non credo nel non parlare di temi scomodi e soprattutto credo che sia possibile parlare di temi scomodi iniziare a puntarsi le dita addosso e credo che se c’è una comunità che può farlo siete voi qui sulla tela. Che ne dite, ci proviamo?  

Prima di tutto, parliamo dell’elefante nella stanza. Al bando i giudizi. 

Hai allattato? Non hai allattato? Hai smesso a 2 mesi? Hai smesso a 5 anni? Va bene. Va tutto bene. Qui non c’è giudizio. Non dovrebbe esserci giudizio in nessuna stanza reale o virtuale dove entri, ma so bene che purtroppo non è così. Soprattutto sui gruppi di Facebook, sui social media, sul web in generale, ovvero ovunque la gente possa nascondersi dietro a uno schermo. 

E qui ne approfitto per raccontarvi l’aneddoto incriminante di cui vi parlavo, perché anche io ho fatto parte di quel gruppo di persone che puntano il dito.

Molti anni fa, quando avevo appena iniziato ad allattare oliver, scrissi un post che intitolai Allattare è una responsabilità, non una scelta. Nel post scrivevo cose come “Come siamo arrivati a credere che un figlio si può NON allattare? Che il latte artificiale sia altrettanto buono? Che allattare sia una scelta, non una responsabilità?”. Scrivevo Che non condivido chi si nasconde dietro scuse tipo non ho latte o con il mio latte non si sfama, e proseguivo scrivendo che queste erano solo leggende metropolitane, che più si allatta, più si produce latte, che “non ho latte” è una scusa ecc ecc ecc Se vedeste la mia faccia in questo momento, è un mix tra l’emoticon con la mano sulla fronte e quella con gli occhi alzati a al cielo. 

Meno male che allora non mi seguiva ancora nessuno, perché oggi so che quelle parole avrebbero potenzialmente fatto molto, molto danno. Perché le parole fanno danno. Sono coltelli affilati e noi siamo i portatori di quei coltelli e quindi siamo gli unici responsabili di come li usiamo. 

Quel post sono stata a punto di cancellarlo moltissime volte, ma non l’ho mai fatto, perché 1. non sono solita rinnegare il passato e i miei pensieri e 2. perché è uno di quei post che mi ricorda quanta strada io abbia percorso e quanto lavoro su di me abbia fatto da allora. Mi è sembrato però doveroso aggiungere una parte con alcune riflessioni di 4 anni dopo, perché non trovavo giusto lasciarlo così: non perché la mia opinione sull’allattamento sia cambiata, non ho problemi a dire che continuo a sostenere che il latte materno sia il più nutriente per il bambino, che personalmente se è possibile consiglierei sempre l’allattamento a richiesta e che in un mio personale mondo ideale tutti i bambini sarebbero allattati e tutte le mamme sarebbero felici di allattare. 

Ma siccome non viviamo in quel mio mondo ideale, NON POSSO permettermi di giudicare chi non la vede così, non posso permettermi di giudicare chi sceglie di non allattare, non posso permettermi di giudicare chi vive l’allattamento come una scelta e non come una responsabilità. E nemmeno tu puoi permetterti di farlo.

Io ho conosciuto tante madri che hanno fatto sforzi e sacrifici sovrumani per allattare per settimane, mesi addirittura, che una volta ricordo erano gli stessi medici che avevano detto alla mia amica di lasciare perdere, ma lei non voleva accettare, voleva allattare e alla fine ce l’ha fatta, ha allattato, e anche molto più a lungo di me. A queste madri va la mia stima, volevano allattare e ce l’hanno fatta. Sono felice per loro!

Ma ho conosciuto anche tanti madri che hanno SCELTO di non allattare (non parlerò qui di chi non ha potuto per malattie, quello credo sia un altro discorso). Parlo di mamme che probabilmente potevano allattare ma hanno ammesso di non volerlo fare perché c’erano dei campanelli di allarme, magari hanno vissuto da subito l’allattamento come un forte rifiuto, come un’obbligazione, o magari facevano i conti con la depressione, con l’ansia, o magari allattare ha fatto riemergere vecchi traumi non risolti… e allora hanno detto NO, io devo pensare alla mia salute mentale. Anche a queste madri va la mia stima, perché hanno scelto di pensare prima a se stesse e hanno avuto il coraggio di farlo. E sono felice per loro. 

Perché non è facile in una società che punta il dito, perché possiamo girarci intorno ma abbiamo spesso il giudizio sulla punta della lingua. Siamo abituati così. Spesso giudichiamo senza pensare, a volte perché siamo stati cresciuti da genitori che ci giudicavano in continuazione e quindi il giudizio è l’unico tipo di comunicazione che conosciamo; altre volte perché siamo feriti, arrabbiati, repressi, frustrati e lo riversiamo sugli altri; e a volte come nel mio caso quando scrissi quell’articolo, magari perché non ci abbiamo ancora pensato: io allora non avevo ancora fatto il mio percorso personale di empatia, non ero ancora abituata a mettermi nei panni degli altri in ogni situazione, a ogni passo, non ero ancora abituata a pesare le parole e a dare il beneficio del dubbio, non avevo ancora interiorizzato quanto danno possano fare le parole, quanto danno possa fare la mia opinione personale che si usa dire, no, quando sappiamo di stare dicendo una cosa scomoda, magari introduciamo con “ah ma questa è la mia opinione personale” e spesso ci sentiamo in diritto di dire anche quando di una persona  conosciamo solo una minima parte di vita, la punta dell’iceberg.

E il problema di questo atteggiamento è che poi sai chi è la vittima di questa opinione personale che ci sentiamo in diritto di dire, ed esprimiamo magari senza il dovuto tatto, senza la dovuta empatia, senza pesare le parole? La vittima è la mamma che non vuole allattare, ma non è forte abbastanza da dirlo; la mamma che sente che c’è qualcosa che non va, ma si vergogna a cercare aiuto perché come può essere che non vuole allattare suo figlio?; la mamma che si sente sbagliata perché crede di dover provare così tanto amore per il figlio da volere solo il meglio per lui e il meglio a detta della società è l’allattamento…

E mi si stringe il cuore a pensare a queste mamme, mi si stringe ancora di più il cuore a pensare a una di queste mamme che magari capita sul mio articolo originale, quello che era solo giudizio, la mia opinione personale che mi ero sentita in diritto di scrivere, e mi si stringe il cuore perché immagino come si possa sentire quella mamma, quanto danno le farei.

E come sempre mi sono dilungata, seguendo fili della mia ragnatela di pensieri, ma tutto questo era per farvi capire perché quell’articolo che ho scritto era così sbagliato e perché ho voluto aggiungere le mie riflessioni di 4 anni dopo.

Oggi so che la PRIMA responsabilità verso i nostri figli è la nostra salute mentale. Se allattare non fa sentire bene, se, anzi, fa sentire male, se lo si sente come una tortura, se lo si odia segretamente così tanto da sentire di avere voglia di scappare, per esempio… vorrei che si normalizzasse il fatto che è possibile, è anche normale,  ma queste non sono scuse: questi sono campanelli d’allarme, segnali della mente, a cui bisogna prestare attenzione. Parlo spesso di egoismo costruttivo,, che mette al primo post la salute mentale, ed è un egoismo sano perché conoscerci, accettarci e prenderci cura di noi stessi è il primissimo passo per crescere i nostri figli in maniera consapevole, nel rispetto, a lungo termine, come dico io. 

E a volte scegliere di non allattare è egoismo costruttivo, perché è comunque egoismo, una mamma che sceglie di non allattare si mette al primo posto a discapito di ciò che è scientificamente meglio per il figlio, ma è un egoismo costruttivo perché se quella mamma non si prende cura di sé, rischia di compromettere la propria salute mentale, e quando un genitore non sta bene, il figlio non sta bene. E vedendo l’andazzo sui gruppi di Facebook, e quanta poca accoglienza c’è per chi parla di allattamento, immagino che ora potrebbe sollevarsi un polverone perché ho detto che non allattare è egoista, ma personalmente credo che sia molto più sano e molto più onesto intellettualmente dire la verità con empatia e rispetto, e accettare la verità con altrettanta empatia e rispetto. Dal punto di vista del bambino che abbiamo messo al mondo, non allattare è di fatto una scelta egoista, ma per alcune mamme può essere la scelta giusta e questo solo una madre può deciderlo e non dovrebbe mai sentirsi giudicata per questa sua decisione. Anche perché per fortuna esiste il latte artificiale e non è che il bambino muore di fame. Quindi smettiamo di giudicare, smettiamo di vivere nelle opinioni estreme, smettiamo di sentirci giudicati e normalizziamo le verità accogliendole con accettazione e rispetto. 

Ricordo che quando ero incinta di Emily (quindi la seconda gravidanza) l’ostetrica che al corso preparto ci parlò dell’importanza e dei benefici del latte materno, ci disse che ogni mamma può allattare se lo vuole e lo desidera, e ci rassicurò che anche quando sembra che non funzioni, se la mamma lo desidera davvero può ottenere… continuava a ripetere “se la mamma lo desidera”. Lo ha detto tantissime volte. 

E sicuramente furono proprio quelle semplici parole “se la mamma lo desidera” a normalizzare la sensazione di una mamma che partecipava al corso e a facilitare un suo commento, in cui ci ha espresso la sua sensazione di rifiuto quando pensava all’allattamento: E l’ostetrica le disse qualcosa del tipo: “Se quando avrai tuo figlio tra le braccia, appoggiato sul petto per la prima volta, proverai ancora questa sensazione, non avere timore di ammetterlo a te stessa e agli altri come hai fatto ora. Se non vuoi allattare, il tuo corpo lo sente e te lo rende non solo difficile, ma anche intollerabile. Ascolta sempre la tua mente e il tuo corpo. Ciò di cui tuo figlio ha bisogno più di tutto è una mamma serena, che si apprezza e si stima”.

E poi le disse anche di non preoccuparsi perché esiste il latte artificiale, che è un’opzione molto più valida che soffrire ad ogni poppata. Perché non ha senso che il pensiero dell’allattamento non le permetta di vivere con gioia la gravidanza e i primi momenti (o anche i primi mesi) con suo figlio.

E queste parole me le porto dietro da allora e sono sicuramente state il primo semino che ha cambiato poi tutta la mia visione sull’allattamento e ha creato in me molta più empatia per coloro che hanno fatto scelte diversa dalla mia.

E appunto, come forse avrete capito io ho deciso di allattare, non ho mai avuto dubbi, non ho mai avuto ripensamenti, nemmeno quando ho avuto 4 mastiti di fila e sofferto come solo chi ha avuto una mastite può capire, insomma, non mi è mai balenata l’idea di smettere di allattare. Tra l’altro, visto che poi me lo chiedete, io la mastite io l’ho sempre e solo curata sotto la doccia bollente con massaggi in profondità, come se mungessi una mucca insomma, un dolore allucinante, ma per me super efficace. Ma questa è un’altra storia, perché mastiti a parte, L’allattamento per me è andato sempre alla grande, io ero felicissima di avere sempre il cibo con me, ho sempre usato anche il seno come strumento per calmare i miei figli, non ho mai avuto la sensazione o la preoccupazione che questo potesse viziarli, io ero serena e loro erano sereni. 

Smettere di allattare è stata un po’ un’altra storia. Con oliver è stato facile, un paio di mesi dopo che era nata Emily e che io li avevo allattati in tandem, Oliver ha deciso che il seno era per emily: un giorno gliel’ho offerto, e lui ha fatto no con la testa e ha girato la testa di emily che era in braccio a me verso il seno. Io ho tradotto il gesto in parole perché allora non parlava ancora “ah è per emily? Tu non lo vuoi più. Sei sicuro?” E voilat, così abbiamo smesso. Me lo ha richiesto un paio di giorni dopo in un momento di crisi, ma io avevo visto che era sereno anche senza e allora gli ho ricordato che ora il seno era per emily, l’ho abbracciato, gli ho detto sono qui con te e gli ho offerto un po’ d’acqua. In quel momento io ho sentito che essere coerente con la nostra decisione di smettere fosse la cosa giusta e allora non ho ceduto.

Con Emily è stata tutta un’altra storia, perché la privazione del sonno di cui ho parlato in uno dei primi episodi aveva davvero un effetto nocivo su tutto, si ripercuoteva un po’ su tutti gli ambiti della mia vita, e a un certo punto anche sull’allattamento. Con Emily sono arrivata a provare la sensazione di non volere più allattare mi sembra verso i 16-17 mesi di mesi, sensazione che purtroppo non coincideva con la preferenza di Emily, che invece avrebbe preso titty dal mattino alla sera, titty e il nome con cui emily chiama il seno.

Fortunatamente allora io avevo già fatto questo mio percorso di conoscenza di me stessa e di cura personale e della mia salute mentale e quindi riconoscevo i campanelli d’allarme. Nel momento in cui ho cominciato a sentire il rifiuto ho subito agito, perché sapevo che il mio non agire e magari ingoiare il rifiuto, sarebbe diventato un problema più serio, sopratutto perché allora non dormivamo ancora e io non avrei avuto le forze di andare contro questa mia sensazione.

E Quindi che cosa ho fatto? Ho prima di tutto preso coscienza del mio limite personale e capito che sì, effettivamente volevo iniziare a smettere di allattare. Poi ho accettato che mi sentivo un po’ in colpa per questa sensazione e decisione di smettere di allattare prima del tempo (tempo che mi ero prefissa io, eh, non credo che ci sia un tempo che bisogna rispettare). Poi ho preso questi sensi di colpa, li accartocciati, buttati per terra, ci ho saltato sopra e poi gli ho dato fuoco, perché so che questo è quanto dovremmo fare tutti con i sensi di colpa che non hanno alcun senso nella nostra vita, non offrono alcun insegnamento, e soprattutto non sono mai mai mai costruttivi. Io sono stata fortunata perché questo è successo con la seconda figlia, e non con il primo, perché con oliver non avevo ancora tutti questi strumenti.

Poi dopo aver accolto l’emozione, accettato il limite e bruciato i sensi di colpa, ho fatto un piano d’azione nella mia mente che consisteva in 3 parti: 1. rimuovere il latte di notte, che era il momento in cui pativo di più l’;allattamento; 2. ridurre durante il giorno parlando con emily e facendole capire che il seno è mio; 3 smettere completamente di comune accordo.

E ora vi dico come è andata, perché non è successo nulla di tutto ciò e nulla come me lo ero immaginata, ovviamente, perché i piani nella mia esperienza aiutano ad accettare ancora di più la situazione perché se facciamo un piano significa che siamo ancora più pronti a metterlo in atto, ma raramente funzionano.

Quindi 1. Rimuovere il latte di notte. L’abbiamo rimosso e abbiamo inserito l’acqua. Parlavamo molto durante il girono con emily, alla sera prima di andare a dormire ne parlavo di nuovo con lei, le ricordavo che di notte non c’era più titti, andavamo a riempire insieme la bottiglia, la mettevano vicino al letto, avevamo anche attaccato un piccolo cartellino con scritto emily sulla bottiglia che le era piaciuto tanto, e poi idealmente dicevamo ciao a titty, ovvero non l’addormentavo con il seno. Questo non è successo, piangeva come una disperata, e allora sono tornata sui miei passi, ne abbiamo parlato e abbiamo deciso che per andare a dormire poteva prendere titty e salutarla così per l’ultima volta. E questo era sembrato funzionare perché poi di notte in realtà quando si svegliava andavo lì o andava alex e le davamo l’acqua, lei piagnucola un pochino ma poi beveva e si metteva giù. E poi dopo una settimana o forse due (la memoria fa cilecca) andava veramente abbastanza bene e poi Emily si è ammalata. E quindi sono ritornata nuovamente sui miei passi, perché tutto ciò che voleva era titty e il mio istinto mi diceva dagliela. E così sono tornata a dargliela anche di notte. Io personalmente non credo che quando si prende una decisione non si possa tornare sui propri passi, credo che sia un errore che fanno molti genitori, pensare che le decisioni debbano essere definitive e rigide, mentre invece va bene la coerenza ma ci va a che un minimo di flessibilità perché la flessibilità è la bacchetta magica della maternità. Quindi l’ho riallatatta di notte finché non stava di nuovo bene e poi abbiamo inciato di nuovo il processo, ma questa volta è andato meglio, lo ricordo meno “difficile”. E poi se non ricordo male si è ammalata un’altra volta a distanza di poco e quindi sono ritornata ad allattarla di notte, e poi abbiamo riniziato il processo. Quindi è stato un tira e molla, ma piano piano, senza fretta, con più o meno pazienza ce l’abbiamo fatta. Questo mi aveva anche liberata un po’ perché ora anche alex poteva andare a darle l’acqua e lei non piangeva disperata come quando alex andava e lei si aspettava titty. Quindi anche se non è stato facile, per è stata un’esperienza positiva. 

 

Allo stesso tempo, avevo iniziato a mettere in atto la seconda parte del mio piano ovvero dare degli orari più rigidi E iniziare a fare un discorso con Emily ogni giorno sul fatto che Titti fa parte del mio corpo e che il mio corpo va rispettato e che soprattutto lei può prendere Titti solo con il mio consenso e questa credo che sia stata la prima volta quando Emilie aveva 18 mesi che abbiamo parlato di consenso tra l’altro proprio sul consenso vorrei farò un episodio del podcast sul tema educazione sessuale perché credo che sia molto importante e ce l’ho lì nelle cose da fare.

Questo è stato importantissimo perché Emilie aveva bisogno di capire che doveva rispettare il mio corpo e quando hai iniziato a rispettare il mio corpo io subito mi sono sentita molto meglio. A volte piangeva, a volte non lo capiva, ma generalmente in quei momenti quello che io facevo era continuare a ripeterle che era il mio corpo, che doveva aspettare il mio consenso, e che appena avessi avuto voglia le avrei dato Titti. E generalmente quello che facevo era calmarla in modo che fosse completamente tranquilla le dicevo ti capisco sono qui con te e poi quando lei era calma iniziavamo a fare un gioco insieme giocavamo per qualche minuto e poi ero io a offrirle Titti perché in quel modo lei capiva che comunque Titti arrivava ma arrivava con la mia offerta perché è il mio corpo.

Devo dire che non ci ha messo molto ed è diventata un’abitudine quella di chiedere Titti, tra l’altro la chiede ancora oggi quando magari sono nuda in bagno dopo la doccia, mi chiede can I touch titti oppure alla sera quando andiamo a dormire lei tocca sempre Titti, è così che si addormenta, però me lo chiede sempre addirittura me lo chiede anche quando si fa male e ha voglia di quel conforto, perché comunque toccare Titti per lei è ancora un conforto e quindi arriviamo all’ultima parte del mio piano, ovvero smettere completamente di allattare. 

In realtà quando Emily ha cominciato a rispettare il mio corpo e ha cominciato a chiedermi tutte le volte che voleva Titti, io non avevo più fretta di smettere di allattare. E infatti avevamo trovato veramente un equilibrio perfetto che andava bene ad entrambe e quindi io avevo deciso che avrei continuato ad allattare. La allattavo magari 2-3 o 4 volte al giorno, lei era serena, io ero serena e quindi non c’era motivo a quel punto di smettere di allattare, quindi avevo accantonato la terza parte del mio piano.

E poi ovviamente cosa è successo? Sono finita in ospedale. Perché la vita non va mai come te l’aspetti ed è per questo che per me ha poco senso fare piani rigidi. E quella volta è stata una dimostrazione lampante di questa cosa. Io sono finita in ospedale per un’operazione di appendicite dove dovevo andare a casa il giorno dopo, e ci sono rimasta un mese per una peritonite e quindi, con antibiotici fortissimi, abbiamo dovuto smettere di allattare. È stato traumatico, molto traumatico per entrambe perché a quel punto io non volevo più smettere di allattare, ero felice di continuare avevamo trovato un equilibrio e ovviamente Emilie non era assolutamente pronta a smettere così di botto. È stato sia un periodo difficile per tutti e oltre allo stare lontana dalla mia famiglia per un mese, in ospedale, quindi comunque preoccupata, anche il fatto di dover smettere di allattare è stato triste. Quando sono tornata a casa, dovevo comunque continuare a prendere l’antibiotico per una settimana mi sembra e quindi in quella settimana non ho potuto allattare e quando poi ho potuto di nuovo allattare non mi è sembrato corretto nei confronti di Emily riprendere, perché a quel punto aveva già fatto la fatica di smettere e io sentivo che se avessimo riniziato avrebbe dovuto vivere la fatica una seconda volta e quindi a quel punto ho messo da parte il mio desiderio e E ho continuato sulla via del the the e qui puoi toccarla ma non ho più menzionato l’allattamento.ci sono stati dei momenti in cui me l’ha chiesto però ho preferito essere coerente e costante e gli ho spiegato che non lo facevamo più.ho cercato sempre di non mentirle e quindi di non dirle che non era più possibile quando invece era possibile o che non avevo più latte quando invece ce l’avevo ancora, perché io scelgo di non mentire ai miei figli, e e le ho parlato proprio come avrei parlato a me stessa: le dicevo emily sostato triste che abbiamo dovuto smettere, a me piaceva molto darti titti, ma ora che ci siamo abituate così, credo che sia meglio continuare così.

Il fatto che lei oggi sia ancora così attaccata a Titti sicuramente viene anche da questo trauma che ha vissuto e però non ne abbiamo mai fatto un problema, soprattutto perché lei è molto rispettosa del mio corpo e mi chiede sempre il mio consenso prima di toccare Titti e per me questo è importantissimo, ma appunto non mi da fastidio che tocchi Titti e quindi continueremo finché lei avrà questo desiderio.

A volte credo che noi genitori ci preoccupiamo per nulla o per situazioni che non ha per cui non ha senso preoccuparsi e io credo che questa sia una di quelle nel momento in cui Emily ancora oggi a quattro anni mi chiede di toccare Titti io non penso “ecco questo è un problema, adesso chissà quando smetterà, non è sano”, no io penso invece è del tutto normale e naturale, ha vissuto un trauma e questo è il suo modo di vivere la conseguenza del trauma. E visto che a me non dà fastidio questa situazione e non mi crea un disagio permetterle di toccare tutti, perché lei rispetta se le dico che non mi va, ho deciso che la accolgo e lo accetto. Deciderà di smettere di toccare titti con i suoi tempi e quando si sentirà pronta.

E con questo credo di avervi raccontato un po’ tutta quella che è la mia esperienza con l’allattamento e la mia visione dell’allattamento oggi. Spero che vi sia piaciuto, mi piacerebbe veramente tanto che mi lasciaste i vostri commenti a questo episodio, vi ricordo che potete farlo sulla pagina dell’episodio sul mio sito e non mi rimane che ricordarvi anche che mi trovate su Facebook e Instagram come la tela di Carlotta blog. È questa settimana nelle storie vi svelerò l’ospite di venerdì prossimo perché non sarò sola e questo ospite l’ho aspettato a lungo e credo che sia venuto un episodio veramente molto bello.

Buona giornata, buona serata o buona notte a seconda di dove siete nel mondo. Ciao.

Penso che questi ti piaceranno

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

115
20 idee pratiche per educare alla parità di genere / con Zaira
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di educazione alla parità di genere: spesso sento che la parità di genere viene affrontata da un luogo di rabbia (per esempio, a...
114
Imbarazzo: come parliamo di questa emozione ai bambini?
In questo episodio di Educare con Calma condivido con te la domanda di un genitore su come parlare ai figli di che cos'è l'imbarazzo e offro la mia risposta che tocca molti argo...
113
Imbarazzo a parlare di sesso, masturbazione, educazione sessuale / con Michela Imperio
In questo episodio di Educare con calma parlo con Michela Imperio di tante situazioni che hanno a che vedere con l'imbarazzo legato non solo alla sessualità, ma a tutto ciò che ...
112
Adozione e disabilità: la testimonianza di Maria Vittoria
In questo episodio di Educare con Calma condivido con voi la storia di Maria Vittoria, una delle persone che avevano lasciato la loro testimonianza per l'episodio su disabilità ...
111
7 lezioni pericolose che insegniamo a scuola
In questo episodio di Educare con Calma vi traduco il post di Gatto in cui racconta perché dopo 30 anni di insegnamento si è licenziato e vi racconto le sette lezioni pericolose...
110
Ti odio! (Perché i bambini lo dicono e che cosa significa davvero)
In questo episodio di Educare con Calma continuiamo a parlare di rabbia che si manifesta con parole e comportamenti che feriscono. Ti aiuto a capire che cosa si nasconde dietro ...
109
Ragnatela in 5': Come ho imparato a gestire la mia rabbia
In questo episodio in 5 minuti di Educare con Calma rispondo a una domanda che mi avete fatto in tanti e tante questa settimana in seguito a un reel su IG sulla rabbia: come pos...
108
Una lettera di una mamma a suo marito
In questo episodio di Educare con calma condivido con voi una bellissima e, per me commovente, lettera di una mamma a suo marito (con il suo permesso): lei ha voluto condividerl...
107
La bussola della pace (per non dimenticare)
In questo episodio di Educare con calma vorrei parlarvi della guerra, della pace e di come parlarne ai bambini, perché temo che un'altra volta stiamo dimenticando e io non vogli...
106
Il nostro homeschooling: domande e risposte
Oggi su Educare con calma rispondo alle vostre domande sul nostro tipo di homeschooling, perché ne ricevo tante e mi fa piacere parlarne e anche sollevare qualche mito. Queste s...
105
Disabilità: testimonianze su ABA e Montessori
Questo episodio di Educare con Calma è nato in seguito alla domanda di una mamma che stava cercando metodi alternativi ad ABA per il suo bambino che ha una disabilità. Io non mi...
104
Ragnatela in 5': "Scusa, ma…" (perché dovremmo evitarlo)
Oggi in questo episodio di pensieri a ragnatela in 5 minuti vi parlo di una frase che mi trovavo a dire spesso e che ho lentamente e consapevolmente eliminato dal mio modo di co...
103
L'empatia: ogni persona è a 4 minuscoli gesti dall'essere amico/a (Capitolo 2 di Thrivers)
In questo episodio di Educare con Calma continuo la mini serie sul libro di Michelle Borba "Thrivers: The Surprising Reasons Why Some Kids Struggles and Others Shine" e parliamo...
102
Fame emotiva e come non trasmetterla ai figli / con Francesca Deane
Questa settimana su Educare con Calma ho invitato Francesca Deane per parlare di fame emotiva e di come sia facile tramettere le nostre fatiche con il cibo ai bambini — e possib...
101
Bullismo sui social (parte 2)
Nell'episodio di Educare con calma in cui parlai di bullismo sui social vi promisi due aneddoti e ve ne raccontai solo uno: oggi vi racconto il secondo, che è stato anche il mot...
100
Le mie frasi motivazionali per iniziare un progetto (e che cosa uso per registrare e pubblicare il podcast)
Buon 100esimo episodio di Educare con Calma a me!  Ho deciso di fare ciò che sentivo e quindi oggi ti dico le frasi che mi hanno spronata finora nella mia carriera (e anche per ...
99
Competizione a scuola? NO, dovremmo insegnare la cooperazione
In questo episodio di Educare con Calma vi parlo di 6 fattori che a scuola sviluppano una competizione malsana e come questi stessi fattori vengono approcciati nella pedagogia m...
98
Montessori in 5': Mio figlio morde
In questo episodio di Educare con calma dedico 5 minuti a normalizzare i morsi che danno i bambini. Perché sono normali. Punto. Ti lascio all'ascolto. :: Come appoggiare il podc...
97
Parlo di sesso con Alex!
Oggi su Educare con calma ho finalmente convinto Alex a registrare un episodio sul sesso (gli ho fatto più un'imboscata, ma 🤫). È una conversazione assolutamente spontanea, non ...
96
L'educazione positiva genera piccoli tiranni?
In questo episodio di Educare con Calma parlo di un articolo uscito su El Mundo (quotidiano spagnolo) dal titolo Basta con l'educazione positiva, gli studenti devono imparare a ...
95
Mio figlio ha picchiato per la prima volta
In questo episodio di Educare con calma rispondo a una domanda di una mamma che nella chat privata del mio corso Educare a lungo termine mi ha raccontato un episodio che l'ha sc...
94
Ragnatela in 5': come dico a mia figlia che sua zia è lesbica?
In questa edizione speciale di Educare con Calma (perché esce di martedì e non venerdì, frutto di un'ispirazione notturna causa insonnia) voglio parlarvi di una tematica che mi ...
93
Bambini e animali: insegniamo a rispettare il limite | con Chiara Grasso
In questo episodio di Educare con calma parliamo di un tema a me caro: il rapporto dei bambini con gli animali selvatici e con la natura. Ho invitato Chiara Grasso, etologa, ric...
92
Torno sul podcast! (E la verità sul perché mi sono presa una pausa)
Dopo una pausa necessaria sul podcast, torno su Educare con Calma con energia e con la mia verità scomoda, che mi fa sentire un po' in imbarazzo, ma che vi racconto perché dire ...
91
Montessori in 5': lo gnomo dei ciucci
Oggi parliamo dello gnomo dei ciucci e di tutte le volte che, come genitori, scegliamo di manipolare i nostri figli con le bugie invece di rispettare il loro potenziale. Se avet...
90
Come promuovere la lettura per bambini e adulti / con Giulia Giordano
In questo episodio di Educare con calma chiacchiero con Giulia Giordano, maestra, laureata in scienze della formazione primaria e specializzata nella promozione della lettura pe...
89
Perché i bambini hanno bisogno di sentirsi in controllo della propria vita
Oggi su Educare con calma vi ho tradotto un'intervista agli autori del libro The Self-Driven Child, William Stixrub e Red Johnson. L'ho letta e ho pensato che fosse qualcosa che...
88
Ragnatela in 5': concetti validi che potrebbero migliorare il sistema scolastico
In questo episodio di Ragnatela in 5', vi lascio 5 concetti che ci ha lasciato la saggezza del passato e che potrebbero essere molto validi per migliorare il sistema scolastico ...
87
Sii un GPS e ricalcola il percorso
In questo episodio di Educare con Calma vi parlo di un concetto che scrissi in un vecchio post sul blog e che mi ha aiutata a modellare le mie risposte quando mi sento provocata...
86
Stereotipi di genere: facciamo piccole rivoluzioni / Con Zaira
Per questo episodio di Educare con Calma ho invitato una mia ascoltatrice, Zaira, a parlare di stereotipi. Ho trovato interessante iniziare la conversazione sugli stereotipi dag...
85
Ragnatela in 5': onestà intellettuale
Parlo spesso di onestà intellettuale su IG e sui miei canali (e anche nella vita di tutti i giorni con la mia famiglia). In questa Ragnatela in 5' vi racconto che cosa intendo e...
84
Mio figlio è timido, come lo aiuto?
In questo episodio di Educare con calma, rispondo a una delle domande che mi arrivano di più. Sono davvero tanti i genitori che mi scrivono preoccupati per la timidezza dei prop...
83
Adozione: una conversazione a cuore aperto / con Roberta
In questo episodio di Educare con Calma ho deciso di ospitare con Roberta che dopo aver ascoltato l'episodio sulla PMA si è offerta di venire a raccontarci come lei è diventata ...
82
Perché non dire "bravo" a tuo figlio
In questo episodio di Educare con Calma, a grandissima richiesta, vi spiego perché tante e tante volte su Instagram e sul blog mi avete sentito dire che per crescere figli sicur...
81
Ragnatela in 5': È troppo tardi?
Una domanda che mi fanno spessissimo i genitori è: è troppo tardi per passare a un'educazione a lungo termine? Mio figlio ha 3 anni, mia figlia ha 5 anni, i miei figli hanno 8 e...
80
Solo biglietto di andata / con Eva Ragnoli
In questo episodio di Educare con Calma ho invitato Eva, una mamma che ho conosciuto tramite Instagram, a raccontarci la decisione della sua famiglia di ritirare la figlia di 6 ...
79
I capricci non sono capricci!
In occasione del lancio della mia nuova guida online per genitori + libro stampabile per bambini "È il tuo coccodrillo. Verità bomba sui capricci e come affrontarli con calma", ...
78
Riflessioni di fine/inizio anno (e di ogni giorno)
In questo episodio speciale di Educare con calma ho deciso di fare una cosa eccezionale: trasformare in podcast 5 mail che ho inviato negli ultimi 5 giorni dell'anno a coloro ch...
77
Ragnatela in 5': direzione felicità
Veri e propri pensieri a ragnatela che sapevo dove iniziavano, ma non dove sarebbero finiti. La mia ragnatela di pensieri ha spesso molto più senso nella mia mente durante le mi...
76
Il bullismo sui social (parte 1)
In questo episodio di Educare con calma, sciolgo le briglie. Vi racconto un episodio capitatomi mesi fa sui social, non per fare polemica, ma per contestare comportamenti e comu...
75
Leggerezza e problemi non-problemi / con Marco Sacchelli
In questo episodio di Educare con Calma, parlo con Marco Sacchelli di leggerezza, di quando noi genitori seguiamo più il metodo del bambino, di lasciare andare le cose che non p...
74
Natale 2021: dite i vostri no, create le vostre tradizioni
Mi sa che fare un episodio sul Natale diventerà una tradizione. In questo episodio di Educare con Calma vi racconto quello che sento quest'anno. Senza fronzoli. E mandando a pre...
73
Ragnatela in 5': non siamo soli
In questo episodio di Educare con Calma rifletto in 5 minuti su una frase che scrivete spesso dopo aver ascoltato un episodio del mio podcast o aver letto un post del mio blog: ...
72
Balbuzie: "Come ho sconfitto il mostro" / con Barbara Farinelli
In questo episodio di Educare con Calma parlo con Barbara Farinelli di un tema purtroppo ancora tabù: la balbuzie. È nato tutto da un messaggio su Instagram e ho sentito il desi...
71
Montessori in 5': ma che società stiamo nutrendo?
In questo Montessori in 5' vi racconto un aneddoto triste che una mamma ha condiviso con me e che mi ha lasciata senza parole – quasi senza parole 😉 E vi lascio il mio augurio d...
70
Foto dei bambini sui social media? Le nostre riflessioni e considerazioni
In questo episodio di Educare con Calma mi faccio portavoce delle riflessioni mie e di Alex riguardo alla decisione di pubblicare foto dei nostri figli su internet. Parlo delle ...
69
PMA e FIVET: "Mi sentivo uno scrigno prezioso" / con Elisa Pella
Oggi su Educare con calma parlo con Elisa Pella di procreazione medicalmente assistita (PMA) e lei ci porta in un viaggio — che per me è stato a tratti emotivo — attraverso la s...
68
Montessori in 5': Le parole che associamo alla paura
Avevo un altro argomento pronto per oggi, ma un episodio recente ha scaturito in me delle riflessioni sulla paura e visto che ci avviciniamo a Halloween ho pensato che sarebbe s...
67
Sesso: pensieri a ragnatela (perché non se ne parla di più?)
Questo episodio l'ho registrato a ruota libera. Senza nemmeno una scaletta. Riascoltandolo, tante cose le avrei dette diversamente, tanti argomenti li avrei trattati diversament...
66
Punizioni, conseguenze e obbedienza: che si fa?
In questo episodio affronto di nuovo il tema delle punizione e delle conseguenze e ci butto dentro una riflessione, secondo me doverosa, sull'obbedienza. Vi racconto anche un ep...
65
Montessori in 5': prima e dopo
In questo episodio di Montessori in 5 minuti, faccio una cosa un po' diversa, ma non te la anticipo qui. Spero vorrai dedicare questi 5 minuti oggi ad ascoltarmi, secondo me sar...
64
Montessori in 5': il segreto per educare alle emozioni
In questo episodio di Montessori in 5 minuti ti svelo il segreto n.1 per educare alle emozioni che è niente di meno che la chiave di tutta la genitorialità (giuro!). E la cosa p...
63
Regole: idee per impostare limiti sani e costruttivi
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di limiti, vediamo che cosa intendo con la parola "limiti", sfatiamo un mito sull'educazione montessoriana, vediamo perché i lim...
62
Inizio della scuola: la nostra esperienza e pensieri a ragnatela
Oggi su Educare con Calma ho cambiato progetti e ho registrato last-minute questo episodio che mi frullava in mente da settimane, ma che non avevo ancora trovato la voglia o l'i...
61
Non definirmi Montessori (ma amo alla follia la bussola che mi ha lasciato!)
Questo episodio di Educare con Calma era in programma per venerdì, come sempre, ma mi sono poi resa conto che cadeva proprio nella settimana del compleanno di Maria Montessori e...
60
Come coinvolgo il mio compagno / la mia compagna nel mio metodo di educazione?
Oggi su Educare con Calma rispondo a una domanda che mi arriva spesso, specialmente da mamme (perché di solito sono loro che mi scrivono): "Io mi sforzo di mettere in pratica l'...
59
Montessori in 5': correggi senza umiliare
In questo nuovo episodio di Montessori in 5 minuti su Educare con Calma ti racconto solo una storia che ho sentito tanti anni fa e mi ha colpita molto. Ho anche pubblicato la st...
58
La fiducia in sé e l'autostima non sono la stessa cosa (Capitolo 1 di Thrivers)
In questo episodio di Educare con Calma inizio la serie dei 7 tratti caratteriali essenziali che dovremmo insegnare ai nostri figli per renderli Thrivers, ovvero persone che pro...
57
Come ho trasformato il mio blog in un lavoro che può mantenere la mia famiglia
Warning: ci ho messo tutta l'onestà e la trasparenza di cui sono capace. Dico "warning" perché a volte esprimere di essere soddisfatti del proprio successo viene interpretato co...
56
Coppia, amore e sesso: pensieri a ragnatela
Questo episodio di Educare con Calma è nato da molta procrastinazione e una giornata di ispirazione. È una vera e propria ragnatela di pensieri sulla mia relazione con Alex, su ...
55
Sensi di colpa (parte 3): "Non mi piace giocare con mio figlio"
In questo episodio di Educare con Calma vi parlo di una confessione che mi fanno molti genitori e nella quale mi riconosco al 100%: mi sento in colpa perché non mi piace giocare...
54
Perché i materiali Montessori di qualità sono cari / con Eleonora Garruto di Le Sette MM
“Eh ma perché i materiali Montessori sono carissimi?”, “Io li ho trovati su Amazon alla metà del prezzo!”.  In questo episodio di Educare con calma parliamo con Eleonora di @les...
53
Riflessioni sulle difficoltà dei due anni
Prima di tutto, quando dico 2 anni intendo l'età dai 18 mesi ai 3 anni, conosciuta come auto affermazione. In questo episodio parlo dei "terribili due anni", che per me è stata ...
52
Perché alcuni bambini (e adulti) sanno affrontare le avversità della vita e altri no
Questo episodio di Educare con Calma è basato sul libro di Michelle Borba Thrivers: The Surprising Reason Some Kids Struggle And Others Shine (nel podcast mi sono confusa e ho d...
51
Non forzare i bambini a fare ciò che non vogliono fare
In questo episodio di Educare con Calma vi racconto di quando Oliver è stato forzato da un nostro amico a buttarsi in mare dagli scogli e rifletto sul perché dovremmo smetterla,...
50
Siamo tutti interconnessi!
In questo episodio rifletto su questa verità che per me ha significato un prima e un dopo nel mio percorso di evoluzione personale – perché è un realizzazione importantissima si...
49
Il trucco è il filtro della vita reale (?)
In questo Episodio di Educare con Calma vi racconto la MIA scelta personale di non usare filtri su Instagram e di non truccarmi nella vita reale e rifletto sul messaggio che tru...
48
La mia dipendenza dalla zucchero
In questo episodio di Educare con Calma, vi parlo della mia dipendenza dallo zucchero e di come sono arrivata a parlarne tranquillamente. Vi racconterò anche come trattiamo noi ...
47
Come si diventa insegnanti Montessori in Italia (e all'estero)? / con Sara Ghirelli
In questo episodio di Educare con Calma parlo con la mia cara amica Sara Ghirelli, educatrice montessoriana e parent coach preparatissima (ma davvero tanto!) e vi raccontiamo di...
46
Il pannolino si lascia, non si toglie!
Il titolo la dice già lunga: secondo me è tutto più facile quando è il bambino a lasciare il pannolino e non l’adulto a toglierglielo. In questo episodio richiestissimo da tanti...
45
Educare un figlio è generare un mondo nuovo / con Francesca Cavallo
L'ho riascoltata tante volte, cosa che raramente faccio con i miei episodi. In questa puntata di Educare con calma parlo con Francesca Cavallo dei suoi libri, dei messaggi nei s...
44
Montessori in 5': Aspetta le sue risposte!
In questo episodio di Montessori in 5 (ehm 7) minuti, vi propongo una scena tipica tra fratelli: uno si fa male e cerca consolazione nelle braccia del genitore e questo inizia a...
43
Sensi di colpa (parte 2): "Non sto facendo abbastanza"
🎙 NON STO FACENDO ABBASTANZA! Dopo lo scorso episodio su un tipo di senso di colpa (il classico "Sto sbagliando tutto"), oggi vi racconto di quest’altra frase che sento e leggo ...
42
Sensi di colpa (parte 1): "Sto sbagliando tutto"
🎙 STO SBAGLIANDO TUTTO! In questo episodio di Educare con calma parliamo di sensi di colpa, del perché se li provi non hanno motivo di esistere e di come dare quindi a questi se...
41
Sostenibilità: accettiamo i nostri limiti personali / con Camilla Mendini (Carotilla)
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di un argomento che mi sta molto a cuore: la sostenibilità. E questa volta ci concentriamo soprattutto sulla moda sostenibile co...
40
Storia di un burnout
In questo episodio di Educare con Calma vi racconto la mia esperienza con il burnout. Ne parlo questa settimana, perché ne sto superando uno, che per me non è stato il primo e c...
39
Montessori in 5': lasciate che si annoino!
In questo episodio di Montessori in 5’ parliamo di noia, vedremo perché è sano che i bambini si annoino e che cosa possiamo fare quando si annoiano. Spero che lo troviate utile....
38
Covid, emozioni e reazioni: mostra i tuoi veri colori
In questo episodio spontaneo di Educare con Calma, episodio che ho registrato lo stesso giorno giorno in cui l'ho pubblicato, ho sentito il bisogno di affrontare un tema di cui ...
37
Genitori, a tavola godetevi lo spettacolo! / con Pediatra Carla
In questo episodio di Educare con Calma, ho invitato la Pediatra Carla a parlare di bambini a tavola e autosvezzamento, di zucchero nella dieta delle famiglie, del perché contin...
36
Montessori in 5': Non vuole chiedere scusa
In questo episodio in Educare con Calma parliamo di quando i bambini non vogliono chiedere scusa dopo aver fatto qualcosa di sbagliato o che ha ferito qualcun altro. Ti racconto...
35
Allattamento: la mia visione, i miei errori, la mia esperienza
In questo episodio di Educare con Calma vi racconto la mia esperienza con l’allattamento, con lo smettere di allattare e anche come la mia visione sull’allattamento sia cambiata...
34
Etichette: smettiamo di mettere le persone in scatola!
Questa settimana su Educare con Calma parliamo di etichette (parole che usiamo per definirci), del perché penso che siano nocive per conversazioni e relazioni e come sostituirle...
33
Montessori in 5': cambia le frasi in positivo
Oggi su Educare con Calma vi spiego in 5 minuti perché funziona con i bambini cambiare le frasi negative in positivo e perché può aiutare non solo a rispettare i limiti, ma anch...
32
Cultura Masai, Montessori, rabbia e adozione / Con Gaia Dominici @siankiki
In questo episodio di Educare con Calma ho invitato Gaia Dominici, che molti di voi conoscono su Instragam come @siankiki, a parlare di educazione dolce e Montessori. Gaia è nat...
31
Insegnare ai bambini a giocare da soli
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di gioco autonomo e di quali siano i fattori (per me) essenziali per insegnare ai bambini a giocare da soli. Se cercate trucchi ...
30
Avrei voluto che l’homeschooling non mi piacesse – con Mamma Superhero
In questo episodio di Educare con Calma ho invitato Silvia D’Amico, che molti di voi conoscono come Mamma Superhero, a parlare di Homeschooling (ci sono molti più tipi di homesc...
29
Montessori in 5': NON va tutto bene
In questo episodio di Educare con Calma, vi spiego in 5 minuti perché secondo me, in un momento di sofferenza dei bambini o quando li vediamo in balia delle proprie emozioni, si...
28
Perché non sono religiosa e cosa dico ai miei figli
In questo episodio di Educare con Calma parlo di religione, del perché non sono religiosa, del perché non sono credente e di come decido di parlarne con i miei figli. So che per...
27
La pazienza va coltivata senza scorciatoie
In questo episodio di Educare con Calma parliamo della pazienza dei bambini e di come coltivarla (la pazienza non è innata, nemmeno per Oliver ed Emily che vi sembrano tanto paz...
26
Montessori in 5': domanda invece di correggere
In questo episodio di Montessori in 5' ti invito a smettere di correggere i tuoi figli in continuazione e ti suggerisco una semplice domanda che ti aiuterà a farlo. È un minusco...
25
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessor...
24
Montessori in 5': Un metodo per smettere di criticare
Ho deciso di creare una piccola rubrica sul podcast in cui vi parlo di Montessori, educazione consapevole, disciplina dolce, disciplina positiva (chiamatela come volete, io la c...
23
Viaggiare a tempo pieno: domande e risposte
In questo episodio di Educare con Calma rispondo alle vostre domande (più ripetute) sul nostro stile di vita di viaggiatori a tempo pieno: perché lo abbiamo scelto, come ci mant...
22
Empatia: 8 modi per praticarla e insegnarla ai nostri figli
Avevo promesso un articolo sul blog su come mostrare empatia ai bambini e credo che sia un argomento talmente importante che ho deciso di trasformarlo anche in un breve episodio...
21
Conflitti tra fratelli: come li risolviamo in casa
In questo episodio di Educare con Calma, vi parlo di gelosia e litigi tra fratelli e vi racconto come noi risolviamo i conflitti in casa, come scelgo di essere un mediatore inve...
20
Transessualità: intervista a Ethan Caspani
In questo episodio di educare con calma ho invitato Ethan Caspani a parlare di transessualità. Ethan è nato femmina, ma a 19 anni ha capito di essere un ragazzo trans e ha inizi...
19
Realtà, fantasia e immaginazione per i bambini: che si fa?
Perché in Montessori (e secondo altri studi) non si espone i bambini alla fantasia sotto i 6 anni? In questo episodio rispondo a questa domanda frequente, analizzo la differenza...
18
Q&A sul multilinguismo: rispondo alle vostre domande
In questo episodio rispondo alle vostre domande sul multilinguismo nate da vari sondaggi su Instagram. Ho scelto le domande che si ripetevano di più e ne ho aggiunte un paio che...
17
La bugia del Natale: perché abbiamo scelto di non raccontarla
In questo episodio racconto come viviamo noi il Natale da famiglia non credente e che applica i principi Montessori e rispondo alle domande più frequenti che mi sono state fatte...
16
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione ...
15
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi...
14
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni...
13
La morte spiegata ai bambini e il loro dolore
In questo episodio parliamo di un tema difficile, importante, forse un po’ tabù: il dolore e la morte. È giusto parlare della morte ai bambini? Come spiego la morte a mio fig...
12
I nostri dietro le quinte del COVID in Nuova Zelanda e… dove andiamo da qui?
Lo ammetto. Ho registrato questo episodio più per me che per voi. Perché avevo bisogno di dire alcune cose a voce alta. In questo episodio ti racconto le nostre prime esperienze...
11
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine m...
10
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri G...
9
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri G...
8
Come aiutiamo i bimbi a sviluppare una relazione sana con il cibo
Questa puntata è stata ispirata da un’insalata buonissima che ha preparato Alex. :-D Non so come un’insalata mi possa ispirare a parlare di come, secondo me, un genitore può aiu...
7
Quella volta che Oliver ha scelto di non andare a scuola
Questa puntata è nata in maniera spontanea in seguito a un episodio che ho raccontato su Instagram, ovvero la scelta di lasciare che Oliver decidesse con la sua testa anche se s...
6
Quando i nonni si adattano ai principi Montessori / Con Savina Sciacqua
Questa è la seconda parte dell'intervista con la mia mamma e parliamo di un altro tipo di cambiamento nella vita di una persona: diventare nonni! Mia madre ci ha cresciute in ma...
5
Reinventarsi / Con Savina Sciacqua
Con questo ospite sapevo che volevo parlare di cambiamenti di vita e di reinventarsi, perché questa persona lo ha fatto tante volte nella sua vita e continua a farlo tutt'ora. A...
4
Quando i bambini non dormono…
In questo episodio (che a livello emotivo è stato più difficile da registrare di quanto mi aspettassi) vi racconto che cosa ho scoperto dal periodo in cui mi lamentavo di Oliver...
3
La scuola uccide la creatività? Omaggio a Sir Ken Robinson
Il 21 agosto è morto Sir Ken Robinson, uno degli educatori che più ha influenzato il mio percorso nell'educazione dei bambini. Questo è il mio piccolo omaggio spontaneo a lui. I...
2
Meglio fatto che perfetto
In questo secondo episodio "rompighiaccio" vi racconto un dietro le quinte del primo episodio e vi parlo del motto che, da quando sono mamma, mi ha aiutata a portare avanti i mi...
1
Inizio un podcast! (credo)
Questa è la prima puntata del mio podcast. Non è perfetto, non è come lo volevo (cover a parte, che adoro!), ma dovevo pubblicarlo o non avrebbe mai visto la luce del sole. Alcu...