Group 5

Seguici su Instagram per accompagnarci nei nostri viaggi, nell'homeschooling e nelle nostre scelte di vita ed educazione. E non perderti le mie storie!

Un giovane incontra un suo vecchio maestro.⁣
- Si ricorda di me?⁣

L’anziano risponde di no. Allora il giovane gli dice che era suo allievo molti anni fa. L’anziano gli chiede:⁣

- Cosa fai oggi?⁣

- Sono un insegnante.⁣

- Ah, come me.⁣

- Sì, sono diventato un insegnante proprio perché lei mi ha ispirato.⁣

Sa, un giorno, un mio amico, anche lui studente, è arrivato con un bellissimo orologio nuovo. Io gliel'ho rubato. Quando si è accorto che gli era stato rubato lo ha detto a lei e lei si è rivolto alla classe:⁣

- Qualcuno ha rubato l'orologio di un compagno. Chiunque sia, che lo restituisca o che lo dia a me così io posso restituirlo.⁣

- Non lo restituii perché non volevo. Mi vergognavo terribilmente di mostrarmi un ladro di fronte a lei, al mio amico e ai compagni.⁣

Nessuno disse niente. Allora lei chiuse la porta e ci disse di alzarci tutti in piedi e che sarebbe passato da ognuno a cercare l'orologio ovunque. Ma ci disse che avrebbe fatto la ricerca solo se tutti avevamo gli occhi chiusi. Li chiudemmo.⁣

Quando arrivò a me, trovò l'orologio e lo prese, ma continuò comunque a guardare in tutte le tasche degli altri e quando finì disse:⁣

- Aprite gli occhi. Abbiamo l'orologio. L'ho già restituito al proprietario.⁣

- Non mi disse niente. Non menzionò mai l'episodio. Non disse mai chi aveva rubato l'orologio. Quel giorno salvò la mia dignità per sempre.⁣

Quello fu il giorno in cui provai più vergogna in assoluto. Ma fu anche il giorno in cui lei mi diede una seconda opportunità. Avrebbero potuto etichettarmi tutti come ladro e magari allora lo sarei diventato, perché le parole degli altri creano immagini di noi nella nostra mente. E invece lei mi diede una seconda opportunità. E io ricevetti il messaggio forte e chiaro. E capii che questo è ciò che dovrebbe fare un vero maestro. Ricorda questo episodio, maestro?⁣

L’anziano risponde:⁣

- Ricordo la situazione, ma non mi ricordavo di te. Sai perché? Perché anch'io avevo gli occhi chiusi mentre cercavo.⁣

Se per correggere devi umiliare, è perché non sai insegnare.⁣

[Ascolta la versione integrale sul mio podcast Educare con Calma, <a href="/podcast/91-montessori-in-5-correggi-senza-umiliare" class="underline">episodio 59</a>, dura solo 5 minuti ☺️]