Group 5

Seguici su Instagram per accompagnarci nei nostri viaggi, nell'homeschooling e nelle nostre scelte di vita ed educazione. E non perderti le mie storie!

L’altro giorno un genitore mi ha detto che si sente in imbarazzo a farsi vedere senza vestiti dai figli. Di questo parlo anche nella guida Come si fa un bebè: è giusto rispettarsi e non forzarsi, ma è anche importante capire che la vergogna arriva dal non aver ricevuto un’educazione sessuale e dall’essere cresciuti con il tabù del sesso.

In casa possiamo fare molto per sradicare il tabù (anche senza farci vedere nudi): il primo passo, il più facile, è praticare a usare i termini anatomici corretti con disinvoltura (l’imbarazzo ci sarà solo all’inizio): pene e vulva (diverso da vagina) sono parole proprio come collo o gomito, perché cambiarle? Usiamole! Questo non solo aiuta noi genitori a sentirci meno scomodi in questa conversazione, ma anche i nostri figli a non sviluppare vergogna e imbarazzo. (Se vuoi approfondire c’è un episodio del podcast al riguardo, #16: Pene e vulva, normalizziamo le parole. E ci sono anche due post con attività da fare insieme ai bimbi: cerca sul mio blog “Consenso: attività per bambini” e “Gli organi del corpo umano: attività per bambini”).

Se la scuola non offre l’educazione sessuale, tocca a noi genitori a casa. I bambini e le bambine hanno bisogno di verità. Quando li teniamo all’oscuro di conversazioni importanti come il sesso, perché ci mettono in imbarazzo o non sappiamo come affrontarle, priviamo noi stessi dell’opportunità di eradicare il tabù nelle generazioni future e loro degli strumenti di cui avranno bisogno per affrontare la vita adulta.

L’ignoranza è molto più pericolosa del sapere — perché poi il sapere arriva comunque, ma dalle fonti sbagliate: i ragazzini e le ragazzine che cercano risposte vanno su internet (anche se cerchi di evitarlo) e trovano il porno, che non solo non è una rappresentazione veritiera di che cosa sia il sesso, ma è colmo di abusi e messaggi sbagliati e sessisti.

Il momento di iniziare a parlare con i figli del sesso è da piccoli, quando la loro mente non è ancora vittima dell’imbarazzo e la vergogna che la società riversa su questa conversazione.

#iomidissocio
#latela
#educarealungotermine