Group 5

Seguici su Instagram per accompagnarci nei nostri viaggi, nell'homeschooling e nelle nostre scelte di vita ed educazione. E non perderti le mie storie!

SMETTIAMOLA DI DIRE “FAI IL BRAVO” A UN BIMBO CHE PIANGE⁣
Al mercato. Una mamma tiene in braccio il suo bambino di circa 6 mesi mentre compra le verdure. Lui osserva tutto, tutti i colori, è un'esplosione sensoriale, è ipnotizzato, concentrato, calmo, nel suo stato naturale: esplorazione e apprendimento sensoriale.⁣⁣
⁣⁣
Appena la mamma lo mette nel passeggino per pagare, lui inizia a piangere. La mamma si agita. Dice prontamente a tutti: "È stato bravo fino ad ora" e al bambino: "Fai il bravo! Perché fai così adesso?”.⁣⁣
⁣⁣
Perché? Perché da dentro il passeggino il cielo è grigio e non c'è niente di interessante da guardare, ecco perché.⁣⁣
⁣⁣
Il bambino non è cattivo, sta comunicando.⁣⁣
Il pianto è il modo che il bambino ha per comunicare ciò che sente, ma spesso vedo che il pianto del bambino viene associato alla negatività, al "non essere buono".⁣⁣
⁣⁣
È ora di scrollarsi di dosso questa mentalità: il pianto di un bambino non è “essere cattivo”, è comunicazione, è linguaggio.⁣⁣
Dire "Sii buono" quando un bambino piange invia i messaggi sbagliati: "Quando piangi, sei cattivo!", "Sei buono solo quando stai calmo e in silenzio".⁣⁣
⁣⁣
Dobbiamo cambiare questa mentalità! Un bambino che piange è un bambino che parla. Dobbiamo smettere di sentirci in dovere di giustificare il pianto di un bambino. Quando tuo figlio piange, non devi spiegare niente a nessuno; potresti invece interpretare ad alta voce quello che sta cercando di comunicare: “Ah, mi stai dicendo che preferivi guardare le verdure? Ti capisco, sono molto più colorate, vero?”.⁣⁣
⁣⁣
Non è solo un grande esercizio di empatia per te, è anche una mentalità sana da diffondere e a lungo termine invia un messaggio positivo a tuo figlio. Tutti vincono (anche le generazioni future!). ⁣⁣
⁣⁣