Group 5

Seguici su Instagram per accompagnarci nei nostri viaggi, nell'homeschooling e nelle nostre scelte di vita ed educazione. E non perderti le mie storie!

Questa mattina mi sono svegliata e avevo voglia di piangere. Ho capito subito che era una di quelle giornate. Io parlo ai bambini delle mie giornate no, dei demoni nella mia testa (lo chiamiamo "il mio coccodrillo”); loro sanno quanto sia difficile per me controllare le mie emozioni in quei giorni, sono vulnerabile, piango davanti a loro, mi abbracciano. Oggi Oliver, senza che glielo chiedessi, ha detto a Emily: "Vieni, andiamo da Mara, la mamma ha bisogno di stare un po’ sola in casa". Mostrare debolezza ai nostri figli contribuisce a crescere persone empatiche che non temono (di mostrare e ammettere) le proprie emozioni. L'educazione emotiva dovrebbe essere una materia a scuola. PS. Oggi è uscito il miglior selfie di sempre.⁣