Group 5

Seguici su Instagram per accompagnarci nei nostri viaggi, nell'homeschooling e nelle nostre scelte di vita ed educazione. E non perderti le mie storie!

🔗 late.la/pilota⁣
Riguardo a questa storia che vi lascio nel link☝️⁣
Una mamma mi ha chiesto: ma togliere il tablet in questo caso non è una conseguenza naturale invece di una punizione? Come se mia figlia piccola tagliasse le tende: io le tolgo le forbici come conseguenza del suo comportamento.⁣
In questa mini IG TV vi racconto la mia opinione (erano nate come storie, ma erano troppo lunghe 😂).⁣
Ma riassumo qui, per comodità: penso che il togliere il tablet a Emily in questo caso (il contesto è importante) non sarebbe stata una conseguenza, ma una punizione, per tantissime ragioni:⁣
- Noi ci fidiamo dei bambini e lasciamo che usino il tablet: la fiducia deve mettere in conto (e accogliere) l’errore.⁣
- La conseguenza naturale per me è quando è inflitta dall’ambiente: lascia fuori i pennarelli, si seccano e non può più usarli. Quella è una conseguenza naturale della sua azione, è una “punizione” dell’ambiente (posso scegliere di non ricomprarli, ma la “punizione” non l’ho inflitta io, l’ha inflitta l’ambiente).⁣
- Per me la fiducia non può funzionare che “ti do fiducia, ma appena mi deludi non ti do il beneficio del dubbio”.⁣
- Il fatto che Emily fosse molto triste per questo errore (che era stato un incidente) è già apprendimento. Impara molto di più dal mio perdono che dalla mia punizione. ⁣
- Anche con una bambina più piccola che taglia la tenda, la prima volta le do il beneficio del dubbio: sono studenti sensoriali, imparano sperimentando! Se la punisco togliendo le forbici, mando questo messaggio: “la tua curiosità e il tuo senso di esplorazione sono negativi”. Invece, spiego perché è un problema che abbia tagliato le tende, faccio vedere quanto è difficile aggiustarle, non le tolgo le forbici, ma rimango vicina quando le usa, osservo di più, se vedo che vuole tagliare di nuovo la tenda, la indirizzo verso alternative di cose che può tagliare… ⁣
- Se dopo tutto questo (che non dura un giorno, è un processo), vuole comunque tagliare le tende, allora il mio ruolo di capitano della barca è spiegarle che non è ancora pronta per la responsabilità, mettiamo via le forbici e per un po’ possiamo usarle solo insieme. ⁣
Per me questo è educare a lungo termine.