La Tela
Episode 4

Quando i bambini non dormono…

In questo episodio (che a livello emotivo è stato più difficile da registrare di quanto mi aspettassi) vi racconto che cosa ho scoperto dal periodo in cui mi lamentavo di Oliver che si svegliava ogni 3-4 ore e dai primi 2 anni di vita di Emily che mi hanno fatto scoprire la vera privazione del sonno. E anche di quel momento in cui pensai di aver scoperto come far dormire tutti i bambini del mondo (povera illusa!) :-D

Se vi interessa leggere gli articoli che menziono nell'episodio, li trovate sul mio blog, nella collezione Il sonno dei Bambini.

Se le mie parole vi piacciono, se vi arrivano, condividetelo con gli amici genitori che amate. 

Come appoggiare il podcast:

Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblicità di quelle che già vi sommergono nella vita quotidiana. Se vi piace il mio podcast e volete aiutarmi a mantenerlo vivo, potete condividerlo con più amici possibile e acquistare uno dei miei corsi:

  • Educare a lungo termine: un corso online su come educare i nostri figli (e prima noi stessi) in maniera più consapevole. Tanti genitori mi dicono che gli ha cambiato la vita.
  • Co-schooling – educare a casa: un corso online su come affiancare il percorso scolastico per dare l’opportunità ai bambini di non perdere il loro naturale amore per il sapere.

Ciao e benvenuti alla terza puntata del mio podcast Educare con calma. 

Se non sentite la mia solita energia e voce è perché ho capito che per evitare rumori indesiderati devo fare ciò che mi ero ripromessa di non fare: registrare di sera. La sera mi piace dedicarla ad Alex, guardare una serie televisiva magari o andare a dormire presto e per questo avevo deciso di svegliarmi alle 5:30 al mattino e andare a registrare le puntate a quell’ora. L’ho fatto una volta e sapete chi altro si sveglia alle 5:30 per andare a lavorare? I camionisti! Quella mattina è stato un andirivieni di camion che sono poi riuscita a rimuovere dall’audio del secondo episodio grazie alle mia eccellenti ed estese capacità tecniche… ma non è l’ideale quindi ci provo di sera. Sono stanca, non lo nego, ma ci tenevo a registrare perché mi sento ispirata e forse viene a pennello perché oggi parliamo proprio di stanchezza, ovvero di bambini che non dormono e di genitori sottoposti alla privazione del sonno.

Voglio fare una premessa, non sono un’esperta del sonno, non ci credo nemmeno negli esperti del sonno. Quello che farò in questo episodio è raccontarvi la mia esperienza, la nostra storia, il nostro viaggio nel tunnel della privazione del sonno.

Dovete sapere che Oliver si svegliava ogni 3-4 ore ogni notte e visto che avevo amiche che mi dicevano che i loro figli dormivano tutta la notte, mi ero messa in testa di poter fare qualcosa per aiutare Oliver a dormire. E la verità è che ci sono riuscita!

Mi sono messa a fare ricerche su ricerche e letture su letture e ho scoperto varie cose sul sonno dei bambini: in primis che non esistono bambini che dormono tutta la notte. Ricordo in particolare una frase di un articolo in inglese che tradotta faceva più o meno così (me la sono scritta perché la mia memoria è terribile quindi ve la leggo): “alcuni bambini dormono bene e facilmente, hanno una routine prevedibile, non si lamentano mai e cagano unicorni. La maggior parte dei bambini, però, non è così”. MI aveva fatta ridere allora, ma l’articolo mi era rimasto impresso anche perché riassumeva ciò che avevo letto in tanti libri sul sonno dei bambini. 

La maggior parte dei bambini si sveglia di notte ogni tot minuti, ogni ora o ora e mezza, ci sono diverse teorie al riguardo secondo me a seconda della lingua in cui si legge, ma esistono bambini che quando si svegliano sanno riaddormentarsi da soli, che fa sembrare che dormano tutta la notte. Quindi prima di tutto, credo davvero che le mamme che dicono “mio figlio dorme tutta la notte” non dovrebbero tenerselo per sé, perché è bello celebrare le nostre gioie con chi amiamo, ma dovrebbero almeno essere consapevoli che “il tutta la notte” è irreale, che stanno dicendo una cosa sbagliata perché tutti, adulti e bambini, abbiamo dei cicli di sonno e spesso ci svegliamo, ma sappiamo riaddormentarci. Quindi questa frase “mio foglio dorme tutta la notte” può creare un sacco di ansia in genitori i cui figli si svegliano ogni ora.

Poi avevo anche scoperto un’altra cosa interessante, che ha cambiato molto la mia prospettiva: quando il bambino ha 6-8 mesi avviene un qualcosa che viene definita “permanenza dell’oggetto”: che cosa significa? Significa che il bambino è ora in grado di ricordare cose e persone che non vede, per esempio ricorda che il genitore esiste anche quando non è fisicamente presente. Questo può creare una certa ansia da separazione che causa anche una regressione del sonno: se prima il bambino si svegliava 2 o 3 volte a notte, come faceva Oliver, per esempio, ora può avere bisogno dei genitori anche ogni ora. È per questo che alcuni esperti del sonno consigliano di iniziare tra i 3 e i 6 mesi a mettere il bambino a letto sveglio, in modo che le condizioni che vede prima di addormentarsi siano esattamente le stesse che ritrova quando si sveglia. In teoria credo che questo abbia senso, perché quando il bambino si addormenta tra le braccia della mamma e si risveglia in un letto, credo sia un po’ come se io mi addormentassi  nel letto e vi risvegliassi in giardino. In pratica, però, questo significa in parole povere che bisognerebbe lasciare che il bambino si addormenti da solo senza la mamma e senza tetta. Cosa suscita questo? Pianti. Ora, 5 anni fa avrei detto un no forte e chiaro ai pianti. Poi un’esperienza con Oliver mi fatto pensare e ve la racconto perché credo possa aiutare a capire dove voglio arrivare, che attenzione, spoiler non è lasciare piangere il bambino! 

Dunque, Oliver dormiva già nel suo letto a terra in camera sua  da almeno 3 mesi perché era un piccolo gigante e nella culla non ci stava più, e a me onestamente non pesava andare due o tre volte a notte a riaddormentarlo. Poi però c’è stata una lunga serie di notti in cui non dormivamo bene, ovviamente allora non sapevo ancora che cosa fosse la privazione del sonno vera e propria, lo scoprii poi con Emily, ma ci arriviamo dopo. Quindi dicevo, che erano notti che non dormivamo bene, Oliver si svegliava spessissimo (allora aveva 6-7 mesi quindi probabilmente coincideva con una di quelle regressioni del sonno di cui parlavo prima, ma io non avevo ancora collegato i puntini)  Quando si svegliava, beveva il latte solo per pochi secondi prima di riaddormentarsi: questo mi faceva capire che non aveva fame, usava il seno un po’ come ciuccio. Una mia amica da poco mi aveva raccontato quello che ho poi definito il metodo dei tre minuti: metti il bambino a letto, lo rassicuri che sei lì per lui, gli dai un bacio della buona notte e poi esci dalla stanza. Probabilmente piangerà o piagnucolerà. Dopo 3 minuti se non ha smesso di piangere torni in camera e fai la stessa cosa. A me onestamente questo metodo sembrava molto come lasciarlo piangere, qualcosa che era totalmente contro ciò in cui credevo. Ma una sera, in cui ero distrutta (ripeto, non avevo ancora la più pallida idea di che cosa significasse “distrutta”) decisi di provare. La faccio breve, ci è voluta un’ora di entra ed esci ogni minuto più o meno, ma poi Oliver si è addormentato da solo e ha dormito fino al mattino alle 8:30. Dalla seconda notte in avanti, non ha nemmeno più pianto: alex era andato a metterlo a letto, gli aveva letto un libro e poi era uscito. Non lo abbiamo sentito fino al mattino dopo. E così è stato fino ad oggi più o meno.

Ecco, da quella esperienza ho pensato “ho scoperto qualcosa di rivoluzionario, so come aiutare le mamme a far dormire i propri piccoli”. Ne avevo persino parlato con una mia amica il cui bimbo si svegliava ogni ora ed era disperata… continuavo a dirle “ è solo questione di tempo e coerenza, continua a provarci” e quando mi diceva che per lei non funzionava, provavo a darle consigli su che cosa cambiare perché pensavo che non fosse possibile che il bimbo continuasse a svegliarsi ogni ora. Ah come mi sono rimangiata quelle parole e quei pensieri quando è nata Emily.

Con Emily il metodo dei 3 minuti non solo non ha mai funzionato, ma Emily si svegliava ogni ora, ora e mezzo ogni notte e non dormiva più di 15 minuti di pisolino al giorno. Oggi, che ho molta più esperienza al riguardo, mia e di altre mamme, so che quel metodo aveva funzionato con Oliver perché Oliver era pronto a dormire. Era pronto ad imparare ad addormentarsi da solo. Anzi, credo davvero che il fatto che lo abbiamo aiutato ha migliorato in generale il suo umore durante il giorno, perché lui dormiva le sue 12 ore a notte (che tra l’altro dorme ancora oggi che ha 5 anni). Oliver era emotivamente pronto e io e alex non abbiamo fatto altro che dargli l’opportunità di dimostrare a se stesso che era in grado di addormentarsi da solo. Che poi addormentarsi da solo significava soprattutto senza la tetta, perché in realtà ancora oggi ci addormentiamo ancora tutti insieme, non perché ne abbia bisogno, ma perché ci piace. 

Emily, invece, non era emotivamente e psicologicamente pronta, avrebbe pianto all’infinito, si sarebbe forse addormentata dopo ore di singhiozzi, esausta, ma non avrebbe imparato nulla di sano: lei viveva ancora la separazione come un abbandono e se io avessi insistito credo che l’unica che avrebbe imparato è che noi, i suoi genitori, le persone di cui si fida di più al mondo, l’abbandonano. E in realtà anche se dormiva pochissimo, era serena, era sana, era sempre sorridente e parlerina, stava bene. Oggi che ha 3 anni e mezzo e la conosco un po’ di più, credo che stesse imparando, che avesse bisogno di assorbire continuamente tutto ciò che succedeva intorno a lei. Non aveva semplicemente bisogno di dormire.

Ma io sì, eccome se ne avevo bisogno!

Io ne avevo bisogno come l’aria.

Ho vissuto due anni in bilico precario con la depressione prima di riuscire a reagire.

Quando parlo di tunnel della privazione del sonno, intendo letteralmente, perché lo ricordo come se fosse tutto scuro e ovattato intorno a me, come se non riuscissi a mettere a fuoco nulla. Nelle giornate buone (che erano il risultato di notti decenti in cui Emily si sveglia magari ogni due ore), ero stanca e tutto mi sembrava difficile, non vedevo una ragione per cui alzarmi dal letto al mattino, lo facevo per i bimbi, certo, lo facevo per abitudine, ma non mi sentivo ispirata a fare nulla. Nemmeno a lavorare, che io adoro il mio lavoro. Mi sentivo facilmente frustrata e sempre sopraffatta dalle cose più piccole, come il traffico o non avere caffè in casa la mattina. Facevo fatica persino a seguire una conversazione, quando mi chiedevano come stavo dicevo bene perché in fondo quello era il nuovo bene. Ma in realtà anche le cose che amavo, come vedere altre mamme o andare alle mie lezioni di danza, mi sembravano troppo difficili a volte. Ricordo che dovevo usare TUTTA tutta tutta la mia energia e forza mentale per essere una madre decente, e anche così spesso fallivo, spesso mi arrabbiavo, mi deludevo, piangevo. Ogni pomeriggio contavo i minuti che mancavano finché Alex tornasse a casa. E questi erano i giorni buoni.

Perché poi c’erano anche i giorni no (che seguivano notti in cui mi svegliavo ogni ora o poco più). Non so come descriverli, era tutto monotono e monocromatico. Le mie emozioni erano intorpidite, mi faceva sempre male il corpo come quando si ha la febbre, ero perennemente in uno stato vegetativo. Anche le cose più piccole come stendere o cambiare un pannolino mi esaurivano, non avevo voglia di fare esercizio né di mangiare sano né di vedere nessuno. E quando vivevo troppi giorni no di fila, ero la versione peggiore di me stessa come donna, moglie e madre. Non so se avete mai visto il film della pixar Inside Out? Ecco, potrei quasi descriverlo come se tutte le persone nella mia testa premessero contemporaneamente tutti i pulsanti, ripetutamente e ritmicamente. Era come se avessi zero controllo sulle mie emozioni, mi rendeva impotente.

A volte mi chiedono come ne sono uscita. Bella domanda. Non sono molto sicura della risposta. Ricordo solo che un giorno, una di quelle giornate buone, andai a una lezione di danza e Cati, la mia insegnante e amica, prese da parte un gruppo, me inclusa, e ci chiese chi aveva voglia di partecipato a una gala di danza, uno spettacolo in teatro che richiede moltissime ore di prove e parecchio sacrificio. La prima sensazione è stata quella di ridere, non avevo nemmeno la forza di andare con regolarità alle lezioni, come potevo pensare di prepare uno spettacolo? E invece, senza rendermene conto, avevo la mano alzata. Oggi so che quel momento era una di quelle caverne oscure di cui vi parlavo nel precedente episodio… dovevo entrarci per trovare me stessa. E così è stato. Con l’aiuto di Alex che è stato molto paziente ed è restato solo con i bimbi quasi tutte le sere e i fine settimana per mesi, ho fatto tutte le prove, non sono mancata nemmeno ad una, nemmeno nelle giornate terribili, nemmeno quando pensavo di non riuscire nemmeno ad alzare un dito, entravo in sala e il mio corpo si muoveva, rinascevo. A volte scherzo e dico che la danza mi ha salvata, ma dentro di me so che non è uno scherzo, so che quel giorno che ho detto sì a Cati è stato il mio momento fenice.       

E ora vi chiederete: ma Emily, quando ha iniziato a dormire? Non durante i mesi di prove dello spettacolo, purtroppo. Aveva tre anni e mezzo, eravamo in viaggio intorno al mondo e più precisamente qui in Nuova Zelanda proprio da dove sto registrando questo episodio. È stato buffo perché è coinciso con il togliere il pannolino di notte ( di giorno l’aveva tolto ormai da tempo), forse coincidenza, forse no, forse sin da piccola si svegliava ogni volta che faceva pipì, no scherzo. Più probabilmente perché aveva compiuto lo sviluppo psicologico ed emotivo necessario a svegliarsi nel mezzo della notte e riaddormentarsi da sola, perché come dicevo all’inizio i bambini proprio come noi adulti, hanno dei cicli di sonno e si svegliano spesso di notte. Ecco, Emily a un certo punto, era pronta a tornare a riaddormentarsi da sola, senza aiuto, è così ha fatto. A volte quando io lavoro in sala mentre lei dorme in camera la vedo sedersi nel letto, guardarsi intorno e tornare a dormire. E ci è arrivata con i suoi tempi, proprio come togliere il pannolino di giorno, come toglierlo poi di notte, o come dormire in un letto diverso dal nostro, che è anche successo verso i tre anni, sempre in questa casa (E Questo no, non credo che sia una coincidenza, è sicuramente anche relazionato allo stesso percorso di sviluppo, se così vogliamo definirlo, e sono felice e orgogliosa di averle dato tempo, di aver seguito le sue esigenze).

Credo che lasciare che i bambini arrivino a questo traguardo in maniera naturale è ciò che di meglio possiamo fare per loro. Certo, forse non è ciò che di meglio possiamo fare per noi stessi, perché richiede un enorme sacrificio, ma come tutto ciò che riguarda la genitorialità, e correggetemi se sbaglio, poco di ciò che è meglio per i nostri figli è ideale per noi genitori. Però io personalmente credo che quando si segue il bambino e il suo personale percorso di sviluppo naturale ci sia più armonia in famiglia, più fiducia, meno lotte di potere e anche meno sensi di colpa, perché quando si sceglie un’educazione rispettosa, così come quando si sceglie il rispetto in ogni situazione della vita, si è nel giusto, c’è poco da dire.

E poi siamo sinceri, possiamo provare un sacco di soluzioni per far dormire i bambini piccoli che non dormono chi ci è passato lo sa, possiamo metterli a letto con luce accesa o con luce spenta, con tapparelle su e giù, con ciuccio o senza ciuccio, con tetta o senza tetta, con acqua o senza acqua, con coperta o senza coperta, con pigiama o senza pigiama, con doppio pigiama, con musica di sottofondo, con esperti del sonno o con ricerche personali, (e sì, io le ho provate tutte nel periodo di disperazione, quindi so di che cosa sto parlando), ma sono arrivata alla conclusione che non ha senso vivere nello stress per ciò che non possiamo controllare. I bambini iniziano a dormire quando sono pronti per dormire. E noi genitori dobbiamo sopravvivere. Magari alcuni di voi non sono d’accordo e lo capisco: se me lo avessero detto prima di Emily non ci avrei creduto, ero la mamma che dava consigli sulla base della propria esperienza, delle ricerche scientifiche e di ciò che aveva funzionato per noi. Ma oggi, anche dopo essere sopravvissuta a una forte privazione del sonno e aver scelto di viverla così come l’ho vissuta, credo che accettare che i nostri figli dormiranno quando sono pronti per dormire sia il regalo più grande che possiamo fare alla nostra mente, alla nostra salute e al nostro cuore.

In realtà guardando i miei appunti oggi volevo parlare anche di come questi due anni abbiano azzerato la vita di coppia e di come ci siamo ritrovati, di come sono uscita io dal tunnel. Ma come sempre mi sono lasciata trasportare e la verità è che ogni i volta che ne parlo è una nuova montagna russa di emozioni… oggi non ne ho più voglia, ma prometto che lo farò, magari già nel prossimo episodio.

Ma vorrei lasciarvi con un paio di pensieri su ciò che ho imparato dal tunnel della privazione di sonno che ha modellato tutto il mio modo di essere e di vedere la genitorialità:

  1. Solo chi ha sperimentato la vera privazione del sonno può parlare del sonno dei bambini: le teorie, i metodi, la scienza, aiutano, certo, come mi hanno aiutata con Oliver, ma non funzionano per tutti i bambini e a volte, come dicevo prima, l’unica cosa che possiamo fare è accettare. E lo stesso vale per tutto: solo chi non ha potuto allattare può parlare della sofferenza che ha vissuto; solo chi ha un bambino che morde può raccontare la vergogna; solo chi non si sentiva madre e ha avuto un figlio o chi si sentiva madre e non è riuscita ad avere figli può parlare di quel percorso emotivo. Gli altri possono immaginarlo, immedesimarsi, fare un lavoro di empatia, anche dare consigli sulla base di ciò che sanno perché a volte, quando si è con adulti maturi e consapevoli, una parola può essere uno spunto di riflessione. Ma non potranno mai arrivare a capirlo e per questo tutti dovremmo usare consapevolmente ancora più tatto quando parliamo con altri genitori, perché non sappiamo quale sia la loro storia e la loro montagna russa.    
  2. Che con il sonno dei bambini vale lo stesso principio che utilizziamo nei momenti di crisi. E credo che lo possiamo riassumere in una domanda, che faccio a voi: quando sei in difficoltà, ti piace sentirti abbandonato? A me no, a te credo nemmeno. Be’, nemmeno ai nostri figli. Il bambino che viene lasciato da solo a piangere, a forza di singhiozzi, si addormenterà, certo, ma questo potrebbe causare effetti spiacevoli nel suo subconscio: paura dell’abbandono, mancanza di fiducia, scarsa sicurezza di sé, personalità timorosa... I bambini non devono imparare a dormire: sanno come si fa, ma lo fanno quando sono pronti, quando sono così sicuri di sé da poter dormire sereni senza doversi più assicurare, a ogni ora, che i loro genitori – il loro mondo – non li hanno abbandonati.

E con questo ti saluto e ti do appuntamento alla prossima puntata di Educare con calma. 

Ti ricordo che mi trovi anche sul blog www.lateladicarlotta.com e su Instagram e Facebook come lateladicarlottablog.

Ti mando un abbraccio stretto.

Ciao e da quanto sono stanca oserei buona notte. 

Tell me what you think

Did you like it? Do you agree or disagree? I'd love to hear from you.

I think you'll like these

November 30, 2021
latela.com/long-term⁣
Read more
November 28, 2021
I recently realise that there’s a lot of confusion around sharing toys. Forcing to share toys does not teach kids generosity, but rather to be protective of their own things. From an early age, we ...
Read more
Mums, dads & kids
We don't know how to be parents, we learn it everyday as we go. This is my way of motherhood, the small victories and the bitter defeats, my inconvenient truths and the endless life lessons. And also all the baby products and toys we love the most.
Montessori
One day a few years ago my husband came home and said, "Why don't we put a mattress on the floor in the baby room? It'd be much more natural". "Never" was my reply. That's how our Montessori journey started. Since then we've been living, breathing and applying the philosophy at home day in and day out, starting from ourselves. Because educating children starts from the parents.
Living sustainably
Living sustainably for me doesn’t only mean to have a more eco-friendly lifestyle. It means to make decisions that are sustainable for our planet, the people on it, but also for our life, our lifestyle, and our happiness. It means to take any daily chance to evolve and be happier, healthier, kinder, more responsible and more caring human beings—the only sustainable way for a meaningful future.
New to La Tela?
I’ve prepared collections on various topics that I’ve written over the years. Perhaps you’ll find one that interests you.
Thanks for listening!