La Tela di Carlotta
it en es

Alex

ago 11, 2020

Leva ‘85, nato a Helsinki (Finlandia). Sua mamma è mancata quando aveva 6 anni.

A 14 ha smesso la scuola perché non faceva per lui e ha iniziato a lavorare nel campo informatico (immaginate un bambino che insegna ad adulti in grandi multinazionali).

A 15 anni è andato a vivere da solo.

A 19 si è trasferito in Spagna.

A 20 ha iniziato a lavorare in un’azienda a Marbella, Makalu, con un ragazzo americano (ora sono soci e vanno per i 14 anni di matrimonio 😉). In quegli anni ha anche vinto il redesign contest Slashdot e lavorato con Google, Virgin America, YouTube...

A 22 anni (2007) ha conosciuto Carlotta, a 25 (2010) l’ha sposata (due volte 😉), a 30 ha avuto Oliver (2015), a 31 Emily (2016), a 33 ha venduto tutto per viaggiare il mondo, a 34 è partito. Ha festeggiato i 35 a Bali.

È sempre positivo e ottimista, crede che nulla sia impossibile, Google per lui non ha segreti e ha una memoria infallibile (che a volte lo rende un po’ presuntuoso e antipatico, ma ce lo teniamo così).

Curiosità

Era un bimbo molto rumoroso, perdeva spesso la voce e una volta è dovuto stare in silenzio per una settimana sotto prescrizione del medico 😂

Quando era bambino ha avuto una malattia abbastanza rara, febbre reumatica, che nessuno riusciva ad identificare e lo ha tenuto in ospedale per molti mesi e poco bene per 2 anni.

Non ha mai fatto il servizio militare, perché si è trasferito all'estero, ma visto che la Finlandia è l'unico paese europeo in cui è ancora obbligatorio, non è potuto tornare a Helsinki fino ai 31 anni (quando anche Carlotta l'ha visitata per la prima volta).

Quando ha lasciato la scuola lavorava in una pizzeria come ragazzo delle consegne, poi è stato promosso a pizzaiolo. Ancora oggi fa una pizza deliziosa da zero (che rende Carlotta molto felice).

Si è trasferito in Spagna perché cercava il sole e a Fuengirola c'è una grande comunità di finlandesi.

L'anno che si è trasferito in Spagna dormiva nella "veranda" di un camper e mangiava con 1€ al giorno o poco più.

Tutto ciò che ha oggi se lo è sudato (anche Carlotta, che ha "corteggiato" per tre mesi prima di chiederle di uscire).

Ha un fortissimo senso di giustizia e di rispetto dell'altro.

Ha guidato una macchina dalla Spagna all'Italia e dall'Italia alla Spagna per andare a prendere Carlotta (con tutta la sua vita in scatoloni) e trasferirla a Marbella.

Preferisce comprare online, perché odia la selezione nei negozi fisici. È davvero bravissimo ed è lo shopper ufficiale per tutta la famiglia (anche per Carlotta!)

È il cuoco di famiglia, Carlotta entra raramente in cucina.

Da quando sono insieme, non c'è mai stato un giorno che non abbia detto a Carlotta "Sei bellissima".

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Marco • ago 15, 2020

Che vita particolare e molto lontano dalla mia! A tratti dev'essere stata molto difficile. In comune abbiamo la passione per l'informatica 😉👍. Ciao!

Federica • ago 11, 2020

Wooww che belle parole e che descrizione amorevole. Mi rendo conto che alcuni profili che seguo di donne (come il tuo ed anche es quello do ourlifeinb) hanno in comune l'aver accanto un uomo sensibile che vi sostiene. Il mio compagno "manca" di alcuni talenti, motivo per cui a volte mi chiedo se vale la pena continuare ad esplorare l'esperienza di "che cosa e' Amore?" Buon viaggio

🌸 Carlotta • ago 11, 2020

Che belle parole che mi hai scritto. Davvero bellissime, ti ringrazio. Pensa che ho riflettuto molto proprio su quello che mi scrivi in questi ultimi mesi in cui alcune amiche mie hanno deciso di dire basta alla relazione. Ho scritto dei pensieri a ragnatela e pubblicherò il post la prossima settimana 💕

Penso che questi ti piaceranno

La missione de La Tela è accompagnare papà e mamme nel viaggio della genitorialità e dare opportunità a genitori di talento di condividerlo nello Shop.

Nella mia newsletter ti racconto (circa una volta al mese, ma soprattutto quando mi sento ispirata) aneddoti e progetti personali e pensieri a random – nelle precedenti ho parlato del dolore due bambini, del mascherare le nostre emozioni di adulti, di come continueremo a viaggiare questa estate…

Ciao! Ti va di conoscere i miei progetti futuri e la mia ragnatela di pensieri?
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!